Noto (Sr): reperti archeologici a casa di un dirigente regionale

In casa aveva 33 diversi reperti archeologici. Lo hanno scoperto gli agenti della guardia di finanza che a Noto, nel siracusano, hanno sequestrato i reperti. M.T., 56 anni, dirigente della regione, aveva a casa coppe, lucerne, unguentari, crateri, askos (antica forma vascolare greca utilizzata per versare piccole quantità di liquidi oleosi, utilizzata come unguentario o per riempire lampade a olio), 9 pezzi di monili in metallo e 33 monete.

Le indagini sono state coordinate dal procuratore capo della procura di Siracusa, Francesco Paolo Giordano e dirette dal sostituto procuratore, Salvatore Grillo, hanno portato alla denuncia dell’illegittimo possessore dei reperti archeologici che non aveva dichiarato il rinvenimento e la detenzione degli stessi.

Tutti i reperto archeologici ritrovati sono stati sequestrati e messi a disposizione di personale in servizio alla soprintendenza dei beni culturali di Siracusa. Secondo gli esperti, i reperti vanno dal VI sec a.C. all’epoca Tardo Antica o Alto medievale.

Sempre vivo e attento l’interesse delle fiamme gialle nel settore dell tutela del patrimonio artistico storico-archeologico, mirato a far fruire le bellezze storiche archeologiche all’intera comunità sia nazionale che internazionale.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi