Naso (Me): il focus group dell’area interna dei Nebrodi

Si è svolto questa mattina a Naso, nel messinese, il focus group dell’area interna dei Nebrodi per il passaggio dal preliminare di strategia alla strategia vera e propria.

L’evento che si terrà a Naso al chiostro dei minori osservanti, rappresenta un ulteriore passo verso il documento strategico finale che darà luogo alla sottoscrizione di un accordo di programma con il governo nazionale e la regione per l’attuazione degli interventi ed i relativi finanziamenti.

L’area interna dei Nebrodi è stata selezionata a far parte dell’esclusiva lista di quelle aggregazioni riconosciute a livello ministeriale che darà la possibilità di poter attingere ad altri tre milioni e 700 mila euro, oltre ai circa 34 già previsti nel piano operativo della regione siciliana.

I Nebrodi rappresentano l’unica area interna, di livello nazionale, in provincia di Messina ed una delle tre a livello regionale assieme alle Madonie ed al Simeto.

L’Area Interna Nebrodi si basa su  una politica di sviluppo basata su più settori, quelli primari quali sanità, istruzione e mobilità e quelli complementari quali valorizzazione turistica, ambientale e culturale, energia e saper fare.

I focus group saranno dedicati alla mobilità ed all’energia, valorizzazione del beni culturali, ambientali e turismo, istruzione, saper fare e sanità.

Nell’evento sono stati coinvolti i referenti nazionali dell’agenzia di coesione come l’ex Ministro Fabrizio Barca, la dott.ssa Sabrina Lucatelli Coordinatore Nazionale Comitato Tecnico Aree Interne, Marco Valenti  della Presidenza del Consiglio, il dott. Filippo Tantillo coordinatore tecnico del comitato nazionale delle aree interne, Roberto Laneri – Ministero Salute, Francesco Monaco – Anci, per la parte locale è presente il Sindaco di Naso,  Daniele Letizia come amministrazione ospitante, il soggetto coordinatore dell’area interna Nebrodi  Carmelo Sottile sindaco di Sant’Agata di Militello, il Commissario del Parco dei Nebrodi  Luca  Ferlito in rappresentanza dell’Ente Parco che torna a recitare un ruolo di primo piano nella programmazione dello sviluppo locale.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi