Comiso (Rg): confronto sulla legge “salva suicidi”

La legge “salva suicidi”, la L n.3 del 2012, trova ancora poca applicazione nelle risoluzioni di casi di sovra indebitamento che riguardano agricoltori, piccoli imprenditori commerciali e semplici cittadini. È quanto emerso dal convegno “Il sovraindebitamento nel nuovo codice della crisi e dell’insolvenza” e svoltosi venerdì scorso nella sala congressi Multifidi pmi Sicilia a Comiso, nel ragusano.

L’evento, organizzato dagli ordini degli avvocati e dei dottori commercialisti della provincia di Ragusa, insieme a pmi Sicilia, con il patrocinio di bapr, camera di commercio del Sud-Est e comune di Comiso, è stato molto partecipato e ha registrato interventi qualificati coordinati dall’avvocato Giuliana Gianna che hanno permesso di approfondire nei dettagli la legge che offre delle strade risolutive a chi si trova in difficili momenti sul piano economico.

Fondamentale in tal senso è l’attività dell’Organismo di Composizione della Crisi (OCC) che, in sinergia tra avvocati, commercialisti e magistratura, consente di portare a compimento situazioni di forte indebitamento che in passato hanno spesso portato a fatti di cronaca balzati agli onori della cronaca nazionale. Diversi i casi che hanno già trovato soluzione ma, come è stato ribadito più volte nel corso dell’incontro, questa procedura è ancora poco conosciuta e applicata concretamente.

Ecco quindi l’importanza di una massiccia e corretta informazione sull’argomento a cui hanno contribuito con i loro interventi professionisti, componenti degli OCC di Acireale, Avola, Catania, Modica e Ragusa e i magistrati Maria Acagnino presidente della II^ sezione civile del Tribunale di Catania e Gilberto Orazio Rapisarda giudice dell’esecuzione del Tribunale di Ragusa. Il presidente dell’ordine degli avvocati di Ragusa e deputato regionale Giorgio Assenza ha anche annunciato che è allo studio, presso il governo siciliano, la creazione di un fondo sociale per venire incontro a coloro che sono soggetti a pignoramento della prima casa in modo tale da intervenire per salvare gli immobili dalle lobby di  affaristi e speculatori.

“Siamo molto soddisfatti per la buona riuscita del convegno – afferma il presidente di pmiSicilia Roberto Biscotto – dal quale è emersa la volontà di lavorare tutti insieme verso una soluzione definitiva di fronte a situazioni di forte indebitamento. Molto importante in tal senso è il ruolo di avvocati e commercialisti i quali, tenendo il polso della situazione, possono indirizzare i loro clienti con riconosciuta difficoltà economica ad avviare la procedura che porta al cosiddetto esdebitamento cioè alla totale cancellazione dei debiti”.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi