Catania: spaccano la vetrina di un bar e rubano registratore di cassa, arrestati

Catania: spaccano la vetrina di un bar e rubano registratore di cassa, arrestati

Due pregiudicati di Catania sono stati arrestati a Catania dagli agenti della polizia di Stato. Erano stati loro a spaccare la vetrina di un bar e rubare il registratore di cassa.

Le manette sono scattate ai polsi di Giuseppe Rando, 27 anni e Filippo Valerio Storniolo, 24 anni. dovranno rispondere di furto aggravato ai danni di un esercizio commerciale del centro cittadino e di resistenza a pubblico ufficiale.

I fatti si sono verificati lo scorso 11 settembre quando intorno alle 23.00 la locale sala operativa della questura ha diramato una nota radio di furto in atto presso un bar del centro storico ad opera di due soggetti che, utilizzando la loro auto come ariete, avevano infranto la vetrina e si erano introdotti all’interno, portando con sé il registratore di cassa con il denaro.

Agenti della squadra mobile, insieme alle pattuglie della volante, hanno intercettato una Fiat Punto su cui viaggiavano i due ladri. Dopo pochi minuti, in via Plebiscito, gli agenti hanno intercettato l’auto segnalata e hanno tentato di sbarrare la strada ai fuggitivi. I due però hanno imboccato a marcia indietro e ad altissima velocità una via secondaria travolgendo nel tragitto anche alcune auto in sosta.

Dopo un prolungato inseguimento l’auto su cui viaggiavano Rando e Storniolo, è andata a finire contro il muro. Una circostanza che ha consentito agli agenti di scendere dal mezzo di servizio e di bloccare subito il passeggero mentre il complice, alla guida del mezzo, che fuggiva a piedi, è stato raggiunto e fermato dopo una breve colluttazione.

Nel veicolo gli agenti hanno trovato la refurtiva, ossia il registratore di cassa con tutto l’incasso che era stato riconsegnato al titolare dell’esercizio commerciale. Inoltre, sono stati trovati anche svariati arnesi atti allo scasso che venivano sottoposti a sequestro. Rando e Storniolo sono stati così arrestati e posti a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi