Catania: i premiati per la festa della polizia

Anche a Catania, come in tutta Italia, si sono svolti i festeggiamenti in occasione del 166° anniversario della fondazione della polizia di Stato.

Anche nel capoluogo etneo sono stati conferiti premi ad agenti che si sono distinti durante il servizio.

A Catania a ricevere i premi sono stati:

Antonino Gallaro, assistente capo del X reparto mobile. L’uomo aveva salvato un cittadino straniero caduto a terra privo di sensi, dopo un arresto cardio-circolatorio.

L’ispettore superiore Gaetano Buffo e ancora Sebastiano Cassisi, ispettore superiore della squadra mobile che hanno ottenuto una promozione sul campo per merito straordinario. I due colleghi avevano svolto delle indagini finalizzate alla cattura di un latitante, appartenente ad una frangia stragista di una famiglia mafiosa di spicco. Nella circostanza riuscivano a localizzare il rifugio del ricercato e a trarlo in arresto al culmine di una imponente operazione di polizia giudiziaria.

Un’altra promozione per merito straordinario all’ispettore superiore Orazio Morando, al vice sovrintendente Fabio Alì e al vice sovrintendente Fabio Raito della squadra mobile.  I poliziotti avevano espletato una operazione di polizia giudiziaria che consentiva l’arresto di un pregiudicato che, temendo un’azione di fuoco nei suoi confronti, dopo aver allontanato i propri familiari, si era barricato in casa. Nella circostanza venivano sequestrate armi e munizioni.

A ricevere una promozione per merito straordinario anche Davide Centonze del compartimento polizia postale per aver coordinato un team incaricato di svolgere indagini tese all’individuazione di una associazione per delinquere finalizzata al gioco d’azzardo e scommesse sportive on-line; nella circostanza sviluppava una notevole mole di elementi investigativi che permettevano l’arresto di 13 persone, il sequestro di numerosi esercizi commerciali e il deferimento all’Autorità Giudiziari di oltre 100 soggetti coinvolti a vario titolo.

Un’altra promozione per merito straordinario è andata al vice ispettore Mario Biondici della polizia stradale. L’agente, libero dal servizio, interveniva in un supermercato dove due malviventi si erano introdotti per rapinare l’esercizio commerciale. Nella circostanza ne ha affrontato uno ingaggiando una violenta colluttazione per poi arrestarlo.

Promozione per merito straordinario al vice ispettore Raffaello De Salvia della squadra mobile. L’agente ha partecipato ad un team incaricato di svolgere indagini per individuare soggetti sospettati di appartenere ad una associazione per delinquere dedita alla detenzione e al traffico di droga ed armi. Sviluppando una considerevole mole di elementi investigativi, l’agente ha fornito all’Autorità giudiziaria oppotuni riscontri che consentivano il sequestro di droga e l’arresto di 37 persone.

Un’altra promozione per merito straordinario è stata consegnata al sovrintendente capo Ivan Igor Lombardo della squadra mobile. Libero dal servizio si poneva all’inseguimento di un giovane che, dopo aver commesso una rapina in una profumeria, si era dato alla fuga. Prontamente raggiunto, ancorché ferito ad una mano dopo una violenta colluttazione, riusciva a trarlo in arresto.

Altro riconoscimento, sempre promozione per meriti straordinari al sovrintendente Roberto Latino che durante un servizio antirapina interveniva per bloccare due rapinatori in azione in un supermercato. Nella circostanza l’agente ha affrontato i rapinatori, disarmandone uno e, dopo un breve inseguimento, li assicurava alla giustizia con l’aiuto di altri colleghi.

Promozione per merito straordinario al vice sovrintendente Roberto D’Angiolini della squadra mobile di Catania che ha partecipato ad un team incaricato di svolgere indagini su una associazione per delinquere finalizzata ad agevolare le attività illecite di mafiose di spicco. Nella circostanza raccoglieva importanti elementi che determinavano l’Autorità Giudiziaria ad emettere un’ordinanza di custodia cautelare per sedici persone.

Stessa promozione per il vice sovrintendente Felice Statella del commissariato Borgo-Ognina che è intervenuto, libero dal servizio, all’interno di una farmacia dove due persone, travisate e armate, si erano introdotte per commettere una rapina.

Promozione per merito straordinario al vice sovrintendente Giovanni Circonciso del commissariato centrale. L’agente è intervenuto, libero dal servizio, in un supermercato dove c’era in corso una rapina. Ha esploso un colpo verso uno dei rapinatori che gli aveva puntato contro un’arma, riuscendo ad arrestarlo dopo un breve inseguimento.

Sempre una promozione per merito straordinario al vice sovrintendente della squadra mobile, Giuseppe Cavallaro. L’agente era intervenuto durante una rapina in un esercizio commerciale e, dopo aver notato che tre malviventi avevano rubato del denaro dalla cassa, minacciando con un’arma un dipendente, si avventava contro uno di essi, ingaggiando una violenta colluttazione e, benché ferito alla testa con il calcio della pistola, forniva elementi utili al successivo rintraccio e arresto di tutti i responsabili.

Sono stati poi consegnati encomi solenni a personale della polizia di Stato che si è distinto in brillanti operazioni.

Tali riconoscimenti sono stati consegnati al vice questore Alessandro Drago, al vice questore Giancarlo Rapisarda, al vice questore Salvatore Montemagno; vice commissario Filippo Di Grazia, l’ispettore superiore Andrea Santi Ottone, l’ispettore superiore Benedetto Murabito, l’ispettore superiore Mario Coco, il vice ispettore Danilo Tomaselli, il sovrintendente capo Sebastiano Battiato, sovrintendente capo Rosalba Fazio, il sovrintendente capo Attilio Scavo, il soprintendente capo Biagio Torrisi, il sovrintendente Loredana Russotto, il sovrintendente Concetto Eugenio Tringale, il sovrintendente Silvestro Chiavetta, il sovrintendente Vincenzo Neri, il sovrintendente Giuseppe Fabrizio Licciardello, il vice sovrintendente Angelo Claudio Mirabella, il vice sovrintendente Gianfranco Di Vivona, l’assistente capo Gaetano Giuseppe Bellia, l’assistente capo Osvaldo Fusaro, l’assistente capo Giuseppe Fazio, l’assistente capo Innocenzo Cantone, l’assistente capo Michele Intili, l’assistente capo Giuseppe Roccella, l’assistente capo Vito Cocimano, l’assistente capo Gianluca Lionti, l’assistente capo Danilo Greco, l’assistente Francesco Mucimarra.

L’encomio solenne è stato attribuito per avere evidenziato, nel corso di diverse operazioni di polizia giudiziaria e di salvataggio, elevate capacità professionali, acume investigativo, non comune determinazione operativa e sprezzo del pericolo che hanno condotto all’arresto di numerosi malviventi responsabili di estorsioni, rapine, furti, ricettazione, truffa, traffico internazionale detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, associazione per delinquere, omicidio, gravi delitti in materia d’immigrazione, associazione mafiosa, cattura di latitanti. Inoltre verranno premiati quei dipendenti che, con tempestività di intervento, hanno effettuato il salvataggio di numerose vite umane.

Sono stati, inoltre, concessi 60 Encomi e 127 Lodi.  

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi