Adrano (Ct): Cancelleri ha accettato l’invito dei forestali del Sifus

Giancarlo Cancelleri ad Adrano, ha partecipato all’invito dei forestali del Sifus,per affrontare in vista delle prossime elezioni, al confronto-dibattito del ddl 104 sulla stabilizzazione del comparto forestale, il tutto illustrato davanti alla platea del catanese.

Il segretario Maurizio Grosso ha esposto in maniera concrete ed esplicita  la proposta  del comparto su cui senza ombra di dubbio, si evidenzia il fatto che, il tutto viene sempre svolto da anni mediante la non programmazione del ciclo biologico delle piante, non rispettando la stagionalità, così come i ritardi sulla prevenzione dei viali parafuoco, nonostante ci siano i fondi regionali per poter mettere in atto, in tempi giusti un sistema capace di poter oliare il tutto in tempi consoni e duraturi nel tempo.

“Così come una bufala, afferma Grosso, quella del problema di chiedere accordo al Governo nazionale e Inps per il percorso di stabilizzazione, visto che il costo complessivo incide per il 10% sull’intero processo”.

Il leader siciliano del M5S, pur conoscendo bene il ddl del Sifus ha sempre apprezzato ciò che contiene, e continua a sostenere che quanto prima bisogna uscire dalla spesa corrente e stanziare i fondi in maniera stabile per il comparto ed evitare di vedere ogni anno i forestali protestare sotto il palazzo dell’Ars per chiedere un qualcosa che spetta di diritto.

Manutenzione e prevenzione a 360° su tutto il territorio, affinché si possa creare un servizio comune su tutti i fronti e problematiche siciliane, anche al di fuori del demanio forestale, avendo in forza un sistema lavorativo efficace per poter operare in tempi utili sia nella prevenzione che nel contesto generale.

Il segretario del Sifus ha messo alle strette Cancelleri sull’impegno totale del suo partito nel far lavorare i forestali dall’inizio dell’anno per l’intero periodo, cioè di una stabilizzazione che possa durare ed essere presente sull’intero territorio su vari settori lavorativi che abbraccino diversi campi, ma ha trovato una frenata chiara e palese sull’impiego dei forestali a tempo indeterminato, in quanto non si può prevedere ad oggi questo sistema, e siccome lui non vuole prendere in giro ancora tante gente, non ha voluto promettere niente di più…. ma, l’impegno di lottare e stare a fianco dei lavoratori per migliorare le loro condizioni lavorative e non vivere si speranze e sussidi che devono sempre essere reperiti da altri settori per pagare o togliere a Tizio per dare ai Forestali.

Maurizio Grosso non condividendo questo discorso, si aspettava dal M5S, visto che si presentano come alternativa all’attuale situazione politica, delle idee chiare per il comparto forestale, con un ragionamento rivoluzionario, e non di normale amministrazione per un papabile presidente regionale…..

Dai grillini la gente si aspetta di più e, a queste condizioni l’arduo compito diventa faticoso e tortuoso visto che il popolo forestale vuole già da gennaio un qualcosa che ancora ad oggi gli viene negato e rinfacciato con conteggi e numeri che portano soltanto scompensi, malumori e incomprensioni anche a carattere mediatico, e su questo possiamo affermare che ormai tutti ne abbiamo le scatole piene !!

Antonio David

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi