Messina: nei 100 anni del giro d’Italia la stradale festeggia i 70 anni

Anche quest’anno, come di consueto, la polizia stradale è al seguito del 100° giro d’Italia. La polizia stradale ha sempre assicurato scorta e sicurezza al Giro d’Italia e oggi come allora nulla è cambiato.

La polizia stradale continua ad accompagnare il giro e a garantire la sicurezza su tutto il percorso. La tappa di partenza è stata Alghero con l’arrivo fissato ad Olbia. Domani il giro sarà in Sicilia, da Cefalù arriverà al rifugio Sapienza sull’Etna.

La carovana ciclistica è scortata da 40 operatori della Polizia Stradale di cui 26 motociclisti, 12 operatori in auto e 2 operatori a bordo di un’officina meccanica mobile, tutti coordinati dal vice questore aggiunto della polizia di Stato Mirella Pontiggia che guida la scorta.

Oltre ai motociclisti impiegati nella scorta, la Polizia Stradale sarà presente, per tutta la durata del Giro d’Italia, con il Pullman Azzurro della Polizia di Stato, un’aula multimediale itinerante cui è legato il progetto “Bìciscuola” promosso da RCS – La Gazzetta dello Sport, rivolto ai bambini delle scuole primarie di tutta Italia,

Per celebrare il 70° Anniversario della Polizia Stradale, nelle città di partenza e di arrivo di alcune tappe del Giro d’Italia, sarà allestita un’esposizione di auto e moto d’epoca della Polizia Stradale ed un percorso fotografico.

A Messina in particolare tale evento si svolgerà a Piazza Duomo e avrà inizio alle ore 08:30 di domani, nove maggio con termine il pomeriggio del giorno successivo. 

Infine, in 7 tappe – precisamente in quella di Molfetta (BA) dell’8 maggio. Montenero di Bisaccia (CB) del 13 maggio, Firenze del 17 maggio, Forlì del 18 maggio, Reggio Emilia del 19 maggio, Castellani (AL) del 20 maggio e Monza (MB) del 28 maggio – nell’ambito della 6A edizione del Premio “Eroi della Sicurezza” – Autostrade per l’Italia S.p.A. premierà alcuni operatori della Polizia Stradale, che hanno dato particolare lustro alla Polizia di Stato distinguendosi in attività di soccorso o in un intervento legato ai compiti d’istituto.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi