Tortorici (Me):  i Discanto siculo dai Nebrodi al festival di Patrasso (Grecia)

Trasferta europea per i Discanto siculo, il gruppo musicale eclettico composto da professionisti del territorio dei Nebrodi. Sul palco del prestigioso palco del festival di Patrasso in Grecia, saliranno sabato 23 luglio Gemino Calà, polistrumentista ed arrangiatore dei brani; Antonio Smiriglia, voce principale ed elaboratore di alcuni testi; Giovanni Cappello, basso elettrico, voce e percussioni; Pino Cappello, chitarra e voce; Salvatore Prattella, organetto diatonico e Roberto Franchina alla batteria.

L’ultima “fatica” musicale dei Discanto siculo è il cd “Ventu d’amuri” che, come richiama lo stesso titolo, è un inno all’amore, a quello intenso, passionale, struggente tanto da far perdere il lume della ragione  e a quello allegro e scansonato, o ancora all’amore visto nella sua accezione religiosa.

I brani sono arrangiati timbricamente usando in particolare strumenti tipici siciliani di natura agro pastorale quali zampogna, zufolo, bifira e zufolo doppio. Seppure siano presenti dissonanze, i timbri dei vari strumenti riportano l’ascoltatore indietro nel tempo, grazie ad un sound particolare che consente di far rivivere e gustare il sapore di antichi valori.

Fra i brani, oltre alla dolce serenata di Caronia, all’allegria di “musica musica”, si trovano brani che ricordano il dramma dell’emigrazione come “Terra scunsulata” e poi canti tipici della tradizione agro pastorale. Ci riferiamo in particolare al brano “U ballettu”, tipico della tradizione agro pastorale per zufolo doppio. Una melodia, questa, eseguita dai pastori per alleviare la fatica delle loro lunghe ore di lavoro, trascorse ad accudire il gregge. E poi “Zufolomania” con i suoi trilli, glissati e frullati e con il doppio e triplo staccato che si contrappongono ad un ritmo molto vivace.

discanto siculoInoltre l’oricense Gemino Calà Scaglitta ha voluto in qualche modo omaggiare anche il suo paese natio, Tortorici, con “A nuciddara”, brano tipico che si udiva un tempo durante la raccolta delle nocciole nei boschi e che qui è stato arrangiato utilizzando anche il suono di 8 campane costruite dai maestri campanari di Tortorici.

Diversi i ritmi che incontriamo ad ascoltare il cd dei Discanto siculo. Dalla tarantella al valzer, dalla polca allo swing, la musica parla di un passato da custodire gelosamente e da tramandare, anche con delle rivisitazioni e degli arrangiamenti particolari come quelli realizzati da Gemino Calà.  

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi