Modica (Rg): terzo appuntamento con la storia alla Fondazione Grimaldi

Continuano gli appuntamenti con la storia di Modica (Rg) nell’Ottocento e nel Novecento. Sabato 18 aprile alle 17.30 a palazzo Grimaldi, nell’ambito del ciclo di incontri sulla storia organizzato dalla fondazione Giovan Pietr Grimaldi e dall’Unitre, lo storico Giuseppe Barone terrà una lezione dal titolo: “Modica città italiana (1861 – 1880). Scuola, cultura, società”.

Dopo il tramonto della Contea, le cospirazioni sotto i Borboni e i travagli del Risorgimento, nel terzo appuntamento in calendario Giuseppe Barone si concentrerà sul ventennio post-unitario. Sono gli anni del “Nation Building”, quando il neonato Regno d’Italia si adopera per costruire l’identità nazionale tra popolazioni che hanno storie, dialetti, tradizioni e culture differenti, attraverso la scuola, le infrastrutture, la burocrazia, ecc.
Modica, grazie allo straordinario impegno delle sue classi dirigenti, torna a essere una “piccola capitale” nel Sud-Est siciliano. L’incremento demografico, il potenziamento delle funzioni urbane e terziarie, l’ascesa di una borghesia di professionisti e imprenditori, il primato dell’istruzione media e superiore, la ripresa della vita culturale, la nascita del credito agricolo, la fioritura di studi tecnico-scientifici e la conduzione vittoriosa della battaglia per la variante ferroviaria disegnano i contorni di uno dei periodi più floridi nella storia della città.

L’iniziativa, rivolta agli studenti delle scuole secondarie, agli universitari e a tutti gli appassionati di storia locale, intende colmare una lacuna nella storia di Modica che per la parte otto-novecentesca è ancora in gran parte da scrivere.  

Maria Chiara Ferraù

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi