Chiaramonte Gulfi (Rg): la ripresa del nuovo anno scolastico

È ripreso anche a Chiaramonte Gulfi, nel ragusano, il nuovo anno scolastico. È stata garantita l’apertura della scuola di piano dell’Acqua e il servizio di scuolabus gratuito.

L’amministrazione comunale, pur con le oggettive difficoltà in cui attualmente operano le istituzioni scolastiche e i comuni per garantire al meglio il diritto allo studio, rinnova il suo impegno e il suo sostegno alla scuola, garantendo tutti i servizi necessari per il suo buon funzionamento. “Nonostante le politiche di dimensionamento scolastico – dichiara il sindaco, Vito Fornaro – è stata garantita l’apertura di tutte le scuole del nostro territorio: in modo particolare, grazie alla stretta collaborazione tra l’amministrazione, il dirigente dell’istituto comprensivo S.A.Guastella, gli insegnanti e i genitori, quest’anno è stato possibile iscrivere alla classe prima i piccoli alunni di Piano dell’Acqua, scongiurando così la chiusura della scuola in una contrada che, nell’ambito del territorio comunale si contraddistingue per il forte senso di identità, costruito e tenuto vivo soprattutto grazie alle attività educative e ricreative organizzate nell’ambito della scuola, della palestra e della chiesa attigua. Garantito gratuitamente, uno dei pochi casi in provincia, il servizio scuolabus con assistenza.

Agli studenti verranno offerte nuove e qualificate opportunità formative ed educative. “Date le esperienze positive dello scorso anno scolastico – ha precisato Laura Turcis, assessore alla Pubblica istruzione – durante il quale gli studenti delle nostre scuole hanno partecipato a vari progetti proposti e sostenuti dal Comune, anche per quest’anno abbiamo in programma di coinvolgerli in tutte le attività culturali e di promozione che verranno via via realizzate, al fine di ampliare l’offerta formativa e di legare sempre di più i nostri ragazzi alla città e al territorio. Previsti anche degli incontri di formazione su tematiche che riguardano le fasce di età più giovane: la sicurezza stradale, la salute, la legalità, l’utilizzo della rete e dei social network”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi