Niscemi (Cl): Muos, la base americana non apre alla Regione

Una vicenda che ha quasi del surreale. Il vice capo di gabinetto dell’assessorato regionale al Territorio, Pasquale Calamia, partito da Palermo, è rimasto fuori dalla base Nato di Sigonella a Catania dalle 11.30 di mattina fino alle 16 del pomeriggio. Doveva consegnare una busta che conteneva il decreto con cui il presidente della Regione, Rosario Crocetta e l’assessore Maria Lo Bello, avviano la revoca delle autorizzazioni per la realizzazione del Muos, il radar satellitare americano che si sta realizzando a Niscemi, centro in provincia di Caltanissetta.

I militari non solo non hanno aperto la busta, ma non hanno neppur voluto consegnarla ai vertici della base, come racconta lo stesso Calamia al Giornale di Sicilia.

Di fatto non è stato notificato il provvedimento che intimava lo stop ai lavori per il Muos. La stessa cosa era successa lo scorso 11 gennaio quando, come racconta l’assessore Lo Bello, “avevamo inviato anche alla sede di Napoli della marina militare statunitense i documenti con cui veniva avviata la procedura di sospensione. Ma le lettere sono tornate indietro. Gli americani non le hanno volute ricevere formalmente. E per questo siamo passati dalla sospensione alla revoca”.

Con questa nuova situazione, non si può formalmente impedire lo stop ai lavori del Muos. Per il governatore dell’isola quello dell’America “è un comportamento illegale che viene esercitato nel territorio nazionale. Io non sono né il capo della Polizia e neppure un magistrato. Ma questi atti si commentano da soli”.

La Regione continua a sostenere che i lavori non debbono essere eseguiti senza un esame scientifico degli effetti delle radiazioni sulla salute dei cittadini.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi