Agrigento: 100 opere all’asta

Cento opere di numerosi artisti contemporanei – fra cui Marchegiani, Scirpa, Sarnari, Bramante, Pitrone, Zuccaro, Leone, Canzoneri e molti altri ancora – saranno vendute domani alle FAM di Agrigento in occasione della consueta asta di Natale con cui l’associazione Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento finanzia le attività culturali dell’anno a venire.

L’appuntamento è per le 18 di domani, sabato 22 dicembre, negli spazi delle Fabbriche Chiaramontane. All’organizzazione dell’Asta di Natale 2012 hanno contribuito i galleristi Nino Soldano, Ezio Pagano e Antonio Sarnari con cui le FAM hanno avviato in questi anni importanti partnership per promuovere la diffusione dell’arte moderna e contemporanea in Sicilia.

Fino al 13 gennaio, infine, sarà visitabile la mostra  “Antonio Sanfilippo Gli anni Sessanta. Il colore del segno”, curata dal critico e storico dell’arte Fabrizio D’Amico e organizzata dagli Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento in collaborazione con l’Archivio Sanfilippo di Roma.

Un’esposizione di grande prestigio che, oltre al nucleo storico delle opere di Sanfilippo presenti alla Biennale di Venezia del 1966, propone per la prima volta una nutrita selezione di lavori inediti provenienti da collezionisti privati siciliani e dall’Archivio di Roma. Alla mostra di Sanfilippo  è dedicato il catalogo curato da Paola Bonani con testi critici di Fabrizio D’Amico, Sergio Troisi e della stessa Bonani, pubblicato da Silvana Editoriale. Organizzata dall’associazione Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento con il contributo dell’Archivio Sanfilippo di Roma, il patrocinio del Comune e della Provincia Regionale di Agrigento e il supporto di Elenka e Benessere & Bellessere Agrigento in qualità di sponsor, la mostra “Antonio Sanfilippo | Gli anni Sessanta. Il colore del segno” sarà visitabile alle FAM fino al 13 gennaio 2013.

Gli spazi delle Fabbriche Chiaramontane sono aperti da martedì a domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20. Sono chiusi tutti i lunedì, 25 e 26 dicembre, 1 gennaio. Aperti 8 dicembre e 6 gennaio.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi