Messina: siglato l’accordo per il Thòlosfestival 2017

È stato siglato a palazzo dei Leoni a Messina il protocollo d’intesa tra i comuni di San Piero Patti, Montalbano Elicona e Raccuja e il centro turistico siciliano per il Thòlosfestival 2017, un contenitore di eventi che intende insediare nelle località dei Nebrodi, terra delle thòlos, iniziative culturali e di spettacolo inserite nei contesti architettonici e paesaggistici del territorio.

L’accordo è stato sottoscritto dai sindaci Ornella Trovato per il comune di San Piero Patti, da Filippo Taranto per il comune di Montalbano Elicona, da Francesca Salpietro Damiano, primo cittadino di raccuja e Graziana Maniscalco per il centro turistico siciliano.

Nel corso della conferenza stampa i tre sindaci dei centri montani e il commissario della città metropolitana di Messina, Filippo Romano, hanno sottolineato l’importanza della valorizzazione delle thòlos per il rilancio di un comprensorio dalle grandi potenzialità.

Ad approfondire l’aspetto puramente culturale del Thòlos Festival 2017 è stato l’attore, regista e drammaturgo catanese Nino Romeo che ha esaltato la suggestione dei luoghi soffermandosi sull’importanza di portare gli spettacoli lì dove la bellezza del posto si fonde con la magia dell’evento.
Tre le location che nel mese di luglio ospiteranno gli appuntamenti del Thòlos Festival: il Convento dei Carmelitani di San Piero Patti, il Castello Aragonese di Montalbano Elicona ed il Castello Branciforti di Raccuja.

Tra gli spettacoli in cantiere ci sarà la rivisitazione de “I Persiani” di Eschilo mentre gli artisti coinvolti proporranno una serie di eventi teatrali, musicali e performance che costituiranno l’itinerario artistico e filosofico dell’edizione 2017.

Consenso ha suscitato la proposta di coinvolgere le autorità regionali e gli organi di stampa nazionali mentre in futuro si punterà ad organizzare una serie di appuntamenti che, per alcune settimane, pongano gli artisti in contatto diretto con luoghi, culture, popolazione e tradizioni di quei territori per realizzare una forma evoluta di “contaminazione” tra il turista e la gente e le culture locali.

Thòlos Festival sarà una grande occasione non solo per il settore turistico ma per una crescita culturale sostenibile che faccia perno su una proposta che non riproduca i modelli tradizionali ma costituisca una nuova linea che si ponga al di fuori dei circuiti tradizionali e commerciali.

In chiusura l’assessore comunale alla Cultura di San Piero Patti, Salvatore Taranto, ha sottolineato il valore storico delle thòlos  (o tholoi) che, originarie delle regioni del Maghreb e presenti in Spagna, Francia, Italia e Grecia, trovano nei territori dei tre Comuni una vasta diffusione.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi