Catania: per i diritti dei bambini con l’Unicef

Sono stati numerosissimi i catanesi che domenica scorsa hanno risposto, con calore e grande entusiasmo, all’invito dell’UNICEF ed hanno partecipato al “Referendum”, promosso in tutto il Paese, affinché grandi e piccini potessero esprimere la propria preferenza sulle priorità dell’infanzia.

I risultati generali saranno resi noti durante i faccia a faccia organizzati a Roma dall’UNICEF con i leader candidati premier dei principali schieramenti.

Chi lo desidera, è ancora in tempo a votare, a Catania presso la sede provinciale, in via Montesano 15 (zona Prefettura) sino a martedì 19, dalle ore 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, tutti i giorni esclusa la domenica.

Partecipare è semplice, basta compilare la scheda “ #Vota per i bambini – Diritti in Parlamento ”, esprimendo, nell’ordine, tre preferenze tra le 10 proposte nelle quali è prioritario intervenire per la realizzazione della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia nel nostro Paese.

Il rilascio dei dati personali, separabili dalla scheda di votazione, è facoltativo.

Questi i 10 temi oggetto di proposte:

1.      Nessuno escluso: proteggere dalla povertà

2.      Tutti uguali di fronte alle leggi: non discriminazione e cittadinanza

3.      Investire sull’infanzia: costruire il futuro

4.      L’Italia per i bambini nel mondo: l’aiuto allo sviluppo

5.      Giustizia a misura di bambini e ragazzi

6.      Scuola di qualità per tutti

7.      L’ambiente giusto per crescere

8.      Contro ogni violenza

9.      Professionisti per l’infanzia: la formazione

10.    I Ragazzi protagonisti: ascolto e partecipazione

Inoltre, chi lo vorrà, potrà rispondere, nell’apposito spazio, alla domanda:

Se fossi tu ad andare in Parlamento, qual è la prima decisione che prenderesti per sostenere i diritti dell’infanzia?

Il Comitato Italiano per l’UNICEF, rivolgendosi a chi avrà in mano il futuro dell’Italia, Governo e Parlamento, insieme alle osservazioni e alle richieste che il Comitato ONU sui diritti dell’infanzia ha rivolto al nostro Paese, in particolare il rafforzamento del ruolo dell’Osservatorio nazionale infanzia e della Conferenza Stato-Regioni, ma anche ad altre indicazioni internazionali ed europee (dell’Unione europea e del Consiglio d’Europa, in particolare), ha voluto formulare le dieci proposte nelle aree nelle quali è indifferibile intervenire per la realizzazione dei diritti sanciti dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, utilizzata come fondamentale quadro di riferimento.

“A chi avrà la fiducia degli italiani e governerà il Paese chiediamo di portare i “Diritti in Parlamento” e di pensare ai bambini e agli adolescenti, quando saranno approvate leggi e politiche”, sottolinea Vincenzo Lorefice, presidente del Comitato Provinciale di Catania per l’UNICEF, “perché sono le leggi, ma anche le politiche e le prassi a dover cambiare, affinché si possano ottenere risultati concreti sulla condizione dei bambini e degli adolescenti che vivono in Italia, nessuno escluso”.

Sarà poi il Comitato Italiano per l’UNICEF a monitorare il rispetto dell’impegno sottoscritto, analizzando l’operato del futuro Governo.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi