Patti (Me): i bilanci del consorzio Cassiopea

Dal superbonus 110% al “green” e sulle nuove “comunità energetiche”, il 2021 è stato un anno importante, il 2022 lo sarà di più. Nel 2021 abbiamo raggiunto risultati che sembravano sogni, centrato i nostri budget ai quali molti non credevano, e ora guardiamo avanti consapevoli della forza del gruppo, Questo è la sintesi del pensiero dominate tra gli uffici del Consorzio Cassiopea, divisi tra Milano e Patti.

“Se da un verso la pandemia ha sconvolto le nostre vite ed ha messo alla prova anche la tenuta e l’efficienza del Sistema Produttivo Italiano, dall’altro, vuoi per la gestione e le opportunità offerte dal Superbonus110%ma anche per la forza, guardando avanti, di saper trovare strade alternative, investitori, nuovi partners, noi della Cassiopea possiamo trarre bilanci positivi che ci fanno guardare il 2022 in maniera propositiva”.

A parlare è il direttore generale del consorzio stabile Cassiopea, Giuseppe Pettina, che evidenzia che se i risultati sono arrivati, lo si deve anche perché il Consorzio è stato chiamato ad un impegno senza precedenti, dove ha scommesso sulla formazione e soprattutto sulla scelta di puntare su un gruppo coeso.

“Abbiamo affrontato e superato una delle sfide più impegnative che ci eravamo posti quella di aprire 50 cantieri nel nostro primo anno di attività. Siamo a quota 60, quelli che utilizzano gli incentivi del superbonus 110% nelle sue varie declinazioni. Sono Cantieri aperti negli ultimi sei mesi e che spaziano dalla Lombardia alla Puglia dal Piemonteall’Emilia Romagna\Marche e ovviamente in Sicilia”.

Una copertura nazionale per un fatturato complessivo di oltre 10milioni di euro di lavori nel 2020 che nei prossimi due anni assommano, nel portafoglio clienti\lavori, già a 80 milioni di euro solo nel 110%. Numeri che pongono il Consorzio Cassiopea tra quelli leader in Sicilia e tra i più attenzionati in Italia per la sua flessibilità, risoluzione delle problematiche, competenze tecniche. Infattila carta vincente, sotto il profilo tecnico, è la stata quella di dotarsi di una struttura tutta in house che permette di accelerare i tempi di attuazione delle procedure.

“Siamo già pronti a dare risposte al quel 30% di lavori completati entro giungo che la Stato ora chiede” dice Pettina“In questi mesi abbiamo saputo essere sempre al fianco dei nostri partners, dei loro clienti, dei fornitori, e profondamente partecipi del bene comune e capaci di offrire sostegno a chi si è affidato a noi”.

Risultati nel campo del Superbonus giunti anche al lavoro dei consulenti che ci seguono “come l’economista Francesco La Fauci – dice Pettina, che ricorda anche –  FabrizioTagetti responsabile dell’area finanziaria di Pura Energia e dei consulenti delle agenzie di accesso al credito che ci danno fiducia”.

Alla Cassiopea, in questi mesi, si è lavorato per mettere in campo una ‘squadra’ in cui tutti, con umiltà, tenacia e coraggio, hanno giocato un ruolo fondamentale per raggiungere il risultato di offrire risposte rapide e concrete alle imprese … e non solo.

E’ questa la nostra forza: essere squadra, fare rete, condividere esperienze, comprendere i bisogni dei partners, conoscere la loro resilienza sulla via della transizione, attraverso un modello che unisce prossimità, innovazione, sussidiarietà”.

I direttori dei lavori del Consorzio sono anche soddisfatti di quanto prevede il nuovo quadro normativoin tema di Superbonus, ma qui si guarda avanti. E la grande scommessa sarà la “comunità energetica” l’Ambiente e soprattutto si punta sullo smaltimento dei rifiuti, inteso come trasformazione del rifiuto tramutandolo in energia senza intaccare l’ambiente.

Un punto sul quale siamo avanti, dice sempre Giuseppe Pettina, e nei prossimi mesi daremo risposte a quei sindaci e responsabili della SRR che hanno creduto, da subito, nel progetto “Converter”.

Intanto l’anno che sarà si apre con un grande gratificazione, frutto del lavoro svolto. L’accreditamento alla HexagonTecnologye ltd di Londra – il gruppo leader nel modo per aumentare l’efficienza, la produttività e la qualità nell’ambito delle applicazioni per l’industria, la produzione, le infrastrutture, la sicurezza e la mobilità -per la quale sarà esclusivista per la Sicilia. Sarà un 2022, ne sono certi tutti, un anno importante.

Qui si punta su sostenibilità, innovazione, e bellezza: un embrione di risposta concreta alle domande della “Generazione Greta” e una speranza in grado di mobilitare le migliori energie verso un futuro più a misura d’uomo.

Partiamo dalla Sicilia, conclude il direttore generale della Cassiopea – per tutelare insieme ambiente, territorio e comunità, e contribuire alla ripresa, senza lasciare indietro nessuno, senza lasciare solo nessuno. Sappiano che abbiamo le carte giuste per giocare e per vincere anche nelle tempeste che potremo affrontare, se come ci ricordano il Presidente della Repubblica Mattarella e il Presidente del Consiglio Draghi, non sottovaluteremo mai le nostre capacità e avremo il coraggio di fare scelte audaci”.

Commenti
Caricamento...