Palermo: riserva dello Zingaro, fermare la mano dei piromani

Le fotografie che stanno circolando in queste ore sui danni provocati alla riserva dall’incendio dei scorsi sono davvero dolorose”. A dirlo è Massimo Mirabella, presidente dell’associazione di ricerca e divulgazione scientifica Centro Isvam di Palermo che proprio da poche settimane ha presentato un progetto di gestione dell’area marina della Riserva del Trapanese e lanciato una raccolta fondi internazionale per preservare questo gioiello naturalistico e chiederne ufficialmente la costituzione come Area Marina Protetta. “ E’ impensabile – conclude Massimo Mirabella – che ad ogni vento di scirocco un gioiello di questo valore venga messo a rischio e allo stesso modo è mortificante, per noi cittadini, pensare che non sia possibile individuare la mano criminale dei piromani e dare loro una punizione esemplare”.

La salute della Riserva de Lo Zingaro è  costantemente messa a rischio da criminali a cui non interessa nulla di piante, animali e turisti che pagano così un prezzo altissimo e vivono in costante minaccia di incendio. Si tratta di una Riserva conosciuta e amata in tutto il mondo ed è nostro dovere – conclude Mirabella – rispettarla, curarla e tramandarla a chi verrà dopo”.

Il Centro studi ISVAM presenterà a giorni il progetto di realizzazione dell’AMP “Zingaro-Tonnara di Scopello” sia alla cittadinanza di Castellammare del Golfo che a quella di San Vito Lo Capo così come ai professionisti impegnati in questa zona.

 

Commenti
Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi