Sant’Agata di Militello (Me): verso il rilancio della fiera storica

A Sant’Agata di Militello, centro tirrenico del messinese, è stato costituito il gruppo di lavoro per il rilancio della fiera storica.  Il gruppo è costituito da rappresentanti dell’amministrazione, da esperti nelle materie di commercio, cultura, zootecnia ed organizzazione di eventi, finalizzato a supportare l’amministrazione nel percorso di rivisitazione e rilancio della fiera storica che si svolge ogni anno sul lungomare.

“La fiera è un patrimonio storico culturale della città, che richiama centinaia di operatori economici e decine di migliaia di visitatori ed acquirenti – sottolinea il sindaco Bruno Mancuso – Un evento per il quale si ravvisa però la necessità di una valorizzazione sotto il profilo storico-culturale, di un’organizzazione sistematica dei settori merceologici, dando identità e valore alle tradizioni siciliane e di un adeguamento alle nuove direttive sulla sicurezza, valutandone anche l’opportunità di una esternalizzazione. Va promossa la fiera del bestiame – prosegue Mancuso – che storicamente ha caratterizzato l’evento, ma da anni scarsamente partecipata”.

Al gruppo del lavoro, oltre al sindaco con il ruolo di coordinatore, fanno parte 15 componenti tra i quali gli assessori Calogero Pedalà e Antonio Scurria, i consiglieri comunali Rosa Maria Franchina e Francesca Alascia, il comandante della polizia locale Vincenzo Masetta e i funzionari comnunali Antonino Bertolino, Adriana Scaglione, Calogero Silla e Giusy Smiriglia. Componenti esterni del gruppo di lavoro, invece, sono Giuseppe Foti e Giuseppe Rizzo, rispettivamente presidente e componente della Fai antiracket locale; Pippo Natoli, presidente della Pro loco; Rosalba Sirna in rappresentanza dell’associazione commercianti Via CampidogliO; l’esperto del sindaco Vincenzo Ingrassia e Gerlando Strati, ex consigliere comunale che propose già nel 2009 una mozione per l’individuazione di nuove strategie per il rilancio della fiera storica.

Per tre mesi il gruppo di lavoro sarà operativo gratuitamente. Al termine dei 90 giorni sarà prodotta una relazione dettagliata con relative proposte che sarà poi sottoposta all’attenzione della commissione consiliare competente.

Commenti
Caricamento...