Gela (Cl): “Cabriolet”, sgominata banda di truffatori

Agenti della guardia di finanza di Gela con l’operazione denominata Cabriolet, hanno sgominato una banda di truffatori specializzati in truffe in tutta la Sicilia.

Sono state scoperte quattro persone, tutte residenti tra Niscemi e Butera, che facevano parte di un collaudato sodalizio criminale dedito a truffe e ricettazione.

Da tempo le fiamme gialle erano sulle loro tracce. Oggi il cerchio si è chiuso attorno ai quattro malviventi. Il meccanismo della truffa, collaudato dal 2015, era sempre lo stesso.

Prima il gruppo contattava grossisti o venditori per acquistare della merce. L’incontro si svolgeva generalmente nella città di residenza della vittima designata. Una volta visionata la merce, veniva pagata con un assegno circolare falso o privo di provvista. Succedeva sempre tutto di venerdì pomeriggio e, complice la chiusura delle banche nel fine settimana,i truffati riuscivano a verificare la genuinità o la provvista dell’assegno soltanto il lunedì successivo quando andavano in banca per incassare il denaro.

Le indagini della finanza hanno permesso di scoprire che l’organizzazione, con base a Niscemi, tra il 2015 e il 2017 ha messo a segno più di 20 colpi in tutta l’isola per un danno economico totale di oltre 120 mila euro.

Acquistavano e rivendevano beni di ogni genere: dal carburante ai concimi per l’agricoltura ai capi di abbiagliamento e cellulari di nuovissima generazione.

Il gip ha disposto gli arresti domiciliari per le menti dell’associazione: N.G., 45 anni; G.S., 58 anni; S.C., 33 anni e L.B.S., 31 anni.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi