Sant’Agata di Militello (Me): contro l’abigeato nasce la banca dati del DNA degli animali

Proseguono le azioni di contrasto all’abigeato condotte dagli agenti della polizia di Stato. A Sant’Agata di Militello, dopo Gamma Interferon, continuano le operazioni che lo scorso dicembre del 206 fecero luce su ripetute frodi alimentari.

Qualche giorno fa un giovane allevatore nebroideo aveva denunciato il furto di alcuni vitellini da latte. Grazie alla banca dati del DNA degli animali, creata per la prima volta in via sperimentale ed alimentata dall’istituto Zooprofilattico di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), ha permesso di risalire all’allevamento dove si trovavano i vitellini rubati.

Grazie a questo innovativo sistema che prevede la collaborazione fra forze dell’ordine e istituto zoo profilattico sarà sempre più difficile perpetrare furti di animali.

Intanto, gli agenti del commissariato di Sant’Agata di Militello hanno denunciato tre allevatori di Tortorici (Me) che dovranno rispondere di ricettazione e falso ideologico.

Maria Chiara Ferraù


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecodisicilia.com - testata telematica - Registrazione al Tribunale di Catania numero 19/2009 in data 26/05/2009

Note Legali: questo sito web è di proprietà di Maria Chiara Ferraù a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email chiara.ferrau@libero.it -
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.