Naso (Me): teatro Vittorio Alfieri, spettacolo entusiasmante con Mario Incudine in “Mimì”.

Uno spettacolo entusiasmante quello che Mario Incudine ed i ragazzi sul palco hanno offerto agli spettatori del Teatro Vittorio Emanule a Naso, centro nebroideo del messinese. La scelta attenta e non casuale di ricordare (proprio nel giorno in cui avrebbe compito 91 anni) uno straordinario artista italiano, Domenico Modugno.

Così in una gelida sera infrasettimanale di gennaio, sotto un cielo blu cobalto, il teatro Vittorio Alfieri ha fatto il pienone. Pochissime le sedie rimasta vuote. Le attese hanno di certo soddisfatto le aspettative dei presenti. La straordinaria voce di Mario Incudine, lo spessore artistico dei musicanti, le capacità mimiche e gestuali di tutti gli interpreti, hanno regalato emozioni e riscaldato gli spettatori.

Musiche, parole, suoni hanno presentato i tratti di un personaggio (Mimì) che tanto somiglia agli audaci sognatori del meridione. E più la voce si riscaldava, più i ritmi diventavano coinvolgenti. Luci, vestiti, suoni hanno riportato l’Italia meridionale della prima repubblica. Sogni, passioni, amori, delusioni, stati d’animo autentici.

Straordinario il finale, il canto di “volare” regalato agli spettatori, l’eco che ritornava aggraziato nelle orecchie di quanti erano seduti ad ascoltare l’interpretazione.

Al termine dello spettacolo, l’artista ha speso parole dal tono riflessivo, ed oltre ai ringraziamenti rivolti alla direttrice artista della rassegna (Oriana Civile), ha ampiamente rivolto gratitudine al pubblico presente, ricordando che il teatro vive di pubblico.

In tempi difficili come questi, dimostrare interesse verso il teatro ci fa riscoprire un valore sociale utile anche per le nuove generazioni. La tecnologia non può e non deve soppiantare stimoli fondamentali alla cooperazione umana. Ed il teatro è un palcoscenico che più d’ogni altro volge verso un’affezione sociale, umana e culturale.

Sul palco

Mario Incudine voce

Antonio Putzu fiati

Manfredi Tumminello chitarre e bouzouki

Pino Ricosta contrabbasso

Emanuele Rinella batteria

Ferdinando Di Marco suono

Giuseppe Cutino disegno luci

Daniela Cernigliaro costumi

Mario Incudine e Antonio Vasta arrangiamenti musicali

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi