Cefalù (Pa): il vescovo ai giovani, “non andate via”

Impresa   ardua   ma   non   impossibile   quella   del   vescovo   della   Diocesi   di   Cefalù Giuseppe  Marciante  che  rivolgendosi  ai   giovani  del   territorio  madonita ,  tenta  di evitare la loro fuga. Una fuga data principalmente dalla mancanza di lavoro e seguita da   tanti   altri   fattori   di   svago,   divertimenti   che   mancano   un   po’  su   tutti   i   paesi limitrofi.

Dopo alcuni mesi dal suo insediamento ha voluto incontrare i sindaci delle Madonie per capire e conoscere le esigenze del territorio, prendendo atto della situazione più o meno grave che si vive nei singoli paesi, Un’evidenza dei fatti visibile agli occhi di tanti  e di  coloro che soffrono in silenzio su tanti  fattori che in linea di  massima accomuna la sicilianità vera e propria . Ha chiesto dei giovani ai sindaci, ai preti dei singoli comuni, ai presidi delle scuole su ciò che fanno e come si comportano ma soprattutto dove sono ! Ha trovato la stessa risposta da tutti e cioè quella che ci sono ma non si vedono…

Effettivamente la realtà è proprio quella con la maggior parte che si isola e/o si limita a finire gli studi di obbligo e non trovando uno sbocco lavorativo tentano la scalata fuori   dal   proprio   paese.   Tanti   giovani   negli   ultimi   anni   hanno   abbandonato   le Madonie, una percentuale in continua crescita e cha ormai ha dei numeri allarmanti. Da   qui   monsignor   Marciante   si   rivolge   con   una   lettera   accorata   ai   ragazzi   delle Madonie,   invitandoli   a   non   abbandonare   la   propria   terra   e   mettendo   dalla   sua   i patrimoni esistenti della Chiesa, costituire dei convegni e, parlare e capire il pensiero di cambiare e reagire,  un vero e proprio “laboratorio di speranza” come lui stesso l’ha chiamato, tentando di cacciare via quella rassegnazione che vive e vegeta nei ragazzi.

Ha apprezzato il fatto che nel territorio di Polizzi Generosa ed esattamente nel Feudo Verbuncaudo i giovani hanno preso per mano la terra e messo in atto una cooperativa che ha convertito la palude in raccolta di lenticchie e grano. Così come a Geraci e Castelbuono che vi sono delle realtà di giovani che hanno messo il loro tempo per aiutare   altri.   Un   impegno   che   deve   essere   costante   e   di   tutti,   dai   sindaci,   ai genitori,agli stessi ragazzi che devono mettersi al servizio della speranza e carità.

Idee e progetti che devono camminare di pari passo, perché cambiare si può, basta solo la volontà di fare.

Antonio David

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi