Catania: arrestati due bulgari che clonavano carte di credito

La loro “professione” era clonare carte di credito. Con questa accusa agenti della polizia di Stato di Catania del compartimento polizia postale e delle comunicazioni, hanno scoperto e arrestato due cittadini bulgari di 20 anni. i due giovani sono stati trovati in possesso di centinaia di carte di credito clonate e di apparecchiature per carpirne i dati informatici.

I due erano stati identificati giorni fa nel centro di Catania da un equipaggio della sezione volanti e denunciati a piede libero per detenzione di carte di credito clonate. A seguito della denuncia era stata avviata un’indagine che ha permesso di trovare i macchinari utilizzati dai due bulgari.

Gli agenti li hanno incrociati mentre viaggiavano a bordo di uno scooter e hanno iniziato a pedinarli per scoprire dove abitassero provvisoriamente. Nel corso di una perquisizione domiciliare sono state rinvenute così sofisticate apparecchiature informatiche di ultimissima generazione per carpire fraudolentemente i dati delle carte di credito e debito. Ritrovate anche microtelecamere, 200 carte di credito clonate, quasi 17.000 euro in contanti e alcuni personal computer portatili.

Per loro si sono aperti i cancelli del carcere di Catania piazza Lanza.

Maria Chiara Ferraù

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi