Messina: scoperto comitato d’affari, in manette anche l’ex presidente del consiglio Emilia Barrile

Arresti importanti questa mattina a Messina. Le manette sono scattate ai polsi anche dell’ex presidente del consiglio comunale, Emilia Barrile, vicina a Francantonio Genovese, col quale era passata dal Pd a Fi e col quale aveva rotto in occasione delle elezioni qualche mese fa quando decise di candidarsi in solitaria.

È stato scoperto nell’operazione denominata “Terzo livello” un sistema di favoritismi all’interno dell’amministrazione pubblica svelato dalla Dia di Messina che ha condotto l’operazione in sinergia con il centro operativo di Catania, Palermo, Reggio Calabria, Bari, Roma, Caltanissetta,c oordinate dalla procura guidata da Maurizio De Lucia.

In tutto sono 13 le misure cautelari emesse: 11 arresti tra carcere e domiciliari e 2 misure interdittive, mentre nell’indagine ci sarebbero anche altri otto indagati.

Barrile è l’unica esponente politica coinvolta nell’operazione. Insieme a lei a finire nei guai anche imprenditori ed ex rappresentanti di vertice delle partecipate del comune di Messina come Amam e Atm. Tra i nomi anche quello del direttore generale dell’azienda di trasporti comunale Atm, Daniele De Almagro; il costruttore Vincenzo Pergolizzi, le figlie Stefania e Sonia, l’imprenditore della società di riscossione Sire, Sergio Bommarito; Francesco Clemente, dirigente del comune di Milazzo; il commercialista Marco Ardizzone; Carmelo Cordaro, Michele Adige, Vincenza Merlino, Carmelo Pullia e Giovanni Luciano.

Barrile dovrà rispondere di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati plurimi contro la pubblica amministrazione. Atti contrari ai suoi doveri, accesso abusivo ai sistemi informatici del comune.

La Barrile aveva violato l’accesso al sistema comunale per estrapolare dei dati ceduti ad imprenditori da lei favoriti a scapito di altri. In diversi episodi l’ex candidata a sindaco avrebbe fatovito imprenditori, come Antonio Fiorino, noto titolare di supermercati Despar a Messina, anche lui indagato.

Sono anche in corso sequestri a diverse imprese e beni immobili per un valore di diversi milioni di euro.

Commenti
Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi