Category Archives: Giudiziaria

Mascalucia (Ct): bimbo sbranato dal cane, verso il patteggiamento

Il 16 agosto del 2016 un bambino di appena 18 mesi era stato sbranato da uno dei doghi argentini di famiglia nella villa dei genitori a Mascalucia, centro in provincia di Catania. La madre è imputata per omicidio colposo. Era lei ad avere il figlio in braccio quando è avvenuta la tragedia. È stato chiesto l’accesso al rito alternativo del patteggiamento, condiviso dalla Procura.

Catania: traffico internazionale di droga

Traffico internazionale di cocaina. Agenti della guardia di finanza del comando provinciale di Catania hanno arrestato i componenti di un‘associazione italo-dominicana dedita all’importazione e al traffico di droga.

In particolare, le manette sono scattate ai polsi di GIuseppe Galati, 32 anni; Patria Batista Melendez, detta Erika, 40 anni; Francesco Di Prima, detto Frasciame, 37 anni e Stefano Borgese, 40 anni. Per loro è stato disposto il carcere.

Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, invece, per Massimiliano La Piana, 30 anni e Renato Dario Gravagna, 41 anni. Nell’ambito dello stesso provvedimento è stato disposto ed eseguito il sequestro preventivo di un immobile sito a Catania del valore di 128 mila euro e di un panificio in via Stradale Cravone. In entrambi gli esercizi commerciali sarebbero stati utilizzati i profitti derivanti dall’illecito traffico di droga.

Il promotore dell’attività illecita sarebbe stato Giuseppe Galati. L’uomo era stato arrestato ad ottobre del 2014 all’aeroporto di Catania Fontanarossa per la detenzione e l’avvenuta importazione dalla repubblica dominicana di 800 grammi di cocaina purissima.

Nonostante l’arresto di Galati, l’associazione criminale continuava nell’illecito traffico, grazie all’opera della moglie, Melendez. Era la donna a tessere le relazioni commerciali con i fornitori dominicani e prendeva contatti con un dominicano in fase di identificazione appellato dai sodali come Compadre.

In più, l’associazione si avvaleva dei corrieri Di Prima e Borghese: Francesco Di Prima risultava aver partecipato, tra l’altro, anche all’importazione di cocaina dalla quale era poi scaturito l’arresto del Galati e Stefano Borghese nel novembre del 2015 all’aeroporto di Palermo per essere trovato in possesso di ulteriori 825 grammi di cocaina.

Dalle indagini è emerso che  l’associazione era in grado di continuare la propria “attività” nonostante i sequestri dei finanzieri di Fontanarossa e del nucleo di polizia tributaria, almeno fino a febbraio dello scorso anno. Inoltre, Galati e Di Prima avevano effettuato viaggi verso Santo Domingo per l’acquisto di cocaina per conto del clan mafioso dei Nizza.

Maria Chiara Ferraù

Catania: sequestrati 6 milioni di articoli non sicuri

Agenti della guardia di finanza di Catania hanno sequestrato argento, corallo e 6 milioni di articoli non sicuri, ad un cittadino bengalese titolare di un’attività commerciale sita nel centro storico della città.

Tortorici (Me): abuso d’ufficio, indagati sindaco e giunta

Avrebbero falsificato i bilanci del comune di Tortorici del 2012 e del 2014 per evitare il dissesto economico, almeno sulla carta, commettendo così un abuso d’ufficio. Per questo il sindaco del centro nebroideo, Carmelo Rizzo Nervo e i componenti delle sue giunte nel corso degli ultimi due mandati, sono stati raggiunti da avvisi di conclusione delle indagini. Oltre al sindaco, gli avvisi sono stati notificati a Rosario Maria Agatino Contiguglia, 55 anni; Sebastiano Conti Mica, 40 anni; Antonella Foti, 37 anni; Valentina Parasiliti, 32 anni; Giuseppe Galbato Muscio, 59 anni ed Enrico Talamo, 56 anni.

Marsala (Tp): “devo cacciare il maligno”, e abusava sessualmente di minorenni, pastore evangelico ai domiciliari

Abusi sessuali su 4 ragazze minorenni. È la pesante accusa di cui dovrà rispondere un pastore della chiesa evangelica pentecostale di Marsala, un pensionato di 66 anni, posto agli arresti domiciliari nella sua abitazione su disposizione della procura di Marsala.

Palermo: chiusa l’indagine su Silvana Saguto

L’ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, Silvana Saguto, era rimasta coinvolta in un’indagine sugli illeciti nella gestione della sezione che presiedeva. Oggi la procura di Caltanissetta ha chiuso l’indagine in cui risultano indagate 20 persone.

Messina: omicidio Scipilliti, carcere per i presunti assassini

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Messina ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dei presunti assassini del vigile del fuoco Roberto Scipilliti, trovato morto a Savoca nel messinese.

Catania: omicidio Maccarrone, arrestato Massimo Di Maria

Massimo Di Maria, detto “u pupiddu”, pregiudicato, è stato arrestato su disposizione del gip di Catania, per l’omicidio, in concorso con Antonio Magro e Massimo Merlo, di Maurizio Maccarrone, assassinato ad Adrano la mattina del 14 novembre del 2014. L’uomo dovrà rispondere anche di detenzione e porto illegale di arma da fuoco.

Campofelice di Roccella (Pa): l’ex sindaco Vasta assolto perché il fatto non sussiste

Il fatto non sussiste. Con questa motivazione i giudici del tribunale di Termini Imerese hanno assolto l’ex sindaco di Campofelice di Roccella, Franco Vasta, alcuni funzionari delle Acque potabili siciliane e il capo dell’ufficio tecnico comunale.Capofelice di Roccella (Pa): l’ex sindaco Vasta assolto perché il fatto non sussiste

Ragusa: tratta nigeriani, gli arrestati

Sono sei le persone arrestate questa mattina dagli agenti della polizia di Stato di Ragusa e Padova. Smantellata un’organizzazione che gestiva una tratta di nigeriani, in particolare donne e minorenni, da avviare alla prostituzione a loro insaputa.

Ecodisicilia.com - testata telematica - Registrazione al Tribunale di Catania numero 19/2009 in data 26/05/2009

Note Legali: questo sito web è di proprietà di Maria Chiara Ferraù a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email chiara.ferrau@libero.it -
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.