Palazzolo Acreide (Sr): “il caffè Corsino, la vita dolce di un’impresa storica”

Il caffè Corsino a Palazzolo: la vita dolce di una impresa storica”. È il titolo del libro che sarà presentato a Palazzolo Acreide nel siracusano nell’ambito di “30 libri in 30 giorni”, iniziativa di BCsicilia.

Dopo i saluti di Francesca Gringeri Pantano, direttrice del museo dei viaggiatori in Sicilia, sono previsti gli interventi di Alfonso Lo Cascio, presidente regionale BCsicilia e di Marcella Monaco, Caffè Corsino. Sarà presente l’autore. Il libro ricostruisce, attraverso una scrupolosa ricerca archivistica e demoantropologica, la storia di un caffè storico di Palazzolo Acreide, la cui nascita si situa nel 1868: il caffè Corsino.

Attraverso generazioni di abili liquoristi, dolcieri e gelatai, il caffè, oggi Antica Pasticceria Corsino, ha tramandato fino a noi antichi preparati e ricette che si legano al ciclo del tempo e delle feste: dai faccioni, all’ossa di mortu, dai passavulanti, alle palombelle di Pasqua, dalla cassata, ai cannoli, confezionati con materie prime del territorio, tra cui primeggiano i latticini degli Iblei, le noci di Palazzolo e le mandorle di Avola.

Il libro è anche uno spaccato sull’urbanistica di Palazzolo, in quanto ricostruisce la nascita di un quartiere, la Guardia, dove il caffè nacque e si è conservato fino ai nostri giorni. Il volume è poi ricco di ricette, rimandi storico-gastronomici, suggestive ricostruzioni dell’origine di alcuni dolci siciliani di tradizione.

Un ricco apparato fotografico arricchisce il volume: sono le foto del giovane fotografo Salvo Alibrio e di Marco Palazzolo che con il grafico editore palazzolese Santanastasio, hanno dato corpo a una pubblicazione utile e bella al contempo.

Infine l’autore del libro, Luigi Lombardo, formatosi alla scuola di Antonino Uccello, ha completato il testo con una serie di interviste non solo ai proprietari, ma anche alle maestranze, ai pasticceri che da decenni lavorano nei laboratori, che hanno fatto la storia di questa che si può considerare un’eccellenza del territorio.

Luigi Lombardo è stato direttore della Biblioteca comunale di Buccheri. Ha insegnato antropologia culturale nella Facoltà di scienze della Formazione presso l’Università di Catania. Ha lavorato con Antonino Uccello ed è stato fra i suoi più stretti collaboratori. Nel 1971 ha collaborato alla nascita della Casa Museo, dove, dopo la morte dello studioso, ha organizzato diverse mostre etnografiche. Alterna la ricerca storico-archivistica e quella etno-antropologica con particolare riferimento alle tradizioni popolari dell’area Iblea. Le sue ultime ricerche sono orientate verso lo studio delle culture alimentari mediterranee.

Nel 2002 è stato insignito del Premio Cultura 2002 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nel 2013 ha conseguito il premio Nunzio Bruno per l’arte popolare.
Fra le pubblicazioni monografiche si ricordano:  Edicole votive della Sicilia Sud Orientale; Palazzolo immagini di una città: il tempo festivo; Catastrofi e storie di popolo: terremoti ed eruzioni nella cultura popolare;Le stampe devote del popolo siciliano; Il culto di S. Paolo storia arte tradizioni popolari; Antonino uccello e la Casa Museo; La Provincia di Siracusa e le sue tradizioni popolari; Avò e l’avò: ninne nanne e filastrocche; Vinni lu Bammiveddu. Canti e suoni del Natale in Sicilia; La cultura popolare nelle terre di Yblon; Messina risorgerà. Il terremoto di Messina del 1908; Le vampariglie . Fuochi e feste popolari in Sicilia; Canti popolari Siracusani; Dies Irae con Carlo Muratori; L’impresa della neve in Sicilia.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi