Modica (Rg): catturato pluripregiudicato catanese per rapina

Si è chiuso il cerchio alle prime luci dell’alba di ieri gli agenti del commissariato di Modica, nel ragusano. Le manette per una rapina sono state scattate ai polsi di un pluripregiudicato.

L’uomo, lo scorso gennaio, insieme ad un complice che lo aspettava in auto, si era introdotto forzando il portone d’ingresso in un appartamento al terzo piano di uno stabile condominiale in via Fosso Tantillo.

Nel frattempo si è azionato il sistema di allarme dell’appartamento che ha così comunicato l’intrusione al figlio della proprietaria. Per un caso fortuito il giovane si trovava nelle vicinanze ed è intervenuto presto. Così il malvivente è stato sorpreso mentre si accingeva, in tutta fretta, ad uscire dall’appartamento dandosi alla fuga.

Tra i due è iniziata una breve colluttazione durante la quale il malvivente ha abbandonato lo zaino con la refurtiva rubata poco prima, insieme ad un cacciavite con cui aveva forzato l’ingresso, guadagnandosi l’uscita con la forza.

Durante l’occorso la vittima, benché malconcia per la colluttazione, è riuscita a scattare qualche foto al malvivente in fuga. Allertati dal trambusto anche i vicini che sono riusciti a prendere alcuni numeri di targa iniziali del veicolo che si allontanava ad alta velocità dalla zona.

Immediatamente sono state avviate le immagini e gli agenti, grazie anche alle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza installato nell’appartamento, hanno identificato l’autore della rapina.

Si trattava di Carmelo Reina, 47 anni, con pregiudizi di polizia, per reati analoghi e residente a Catania. Secondo elemento probatorio è stato acquisito dalla ricostruzione completa dei numeri della targa del veicolo utilizzato dai malfattori per compiere la rapina.

Al termine delle indagini è stato segnalato il tutto alla procura di Ragusa. La richiesta del pubblico ministere, Santo Fornasier, ha trovato pieno riscontro nelle valutazioni dell’ufficio del gip che riteneva di adottare nei confronti dell’autore apposita ordinanza applicativa di misura cautelare.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi