Palermo: “ombre folli” al Biondo, omaggio a Scaldati

Enzo Vetrano e Stefano Randisi proseguono la loro indagine sul teatro di Franco Scaldati, il drammaturgo palermitano scomparso sei anni. Dopo Totò e Vicè e Assassina, i due attori e registi interpretano, dal 6 al 23 marzo nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo, Ombre folli, una delle opere più struggenti e poetiche di Scaldati, proposta per la prima volta dallo stesso autore al Festival di Santarcangelo nel 1997.

Rispetto alla loro precedente messa in scena, che comprendeva i capitoli Creatore d’ombre, Creature e Travestimenti, in questo nuovo allestimento dello spettacolo, prodotto dal Teatro Biondo in collaborazione con la cooperativa Le Tre Corde – Compagnia Vetrano/Randisi, i due attori aggiungono, come prologo evocativo, un altro capitolo dal testo scaldatiano: Sabella.

Le ombre di due uomini si raccontano: il primo ha la passione segreta di travestirsi, truccarsi e andare in strada a far sesso, arte in cui è “maestra”, come dice con orgoglio. Ma la sua è una scommessa con la vita, una roulette russa al contrario, perché se qualcuno lo riconosce, il suo piacere si raddoppia, e nel momento dell’amplesso finale, ineluttabilmente, lo uccide, e con religiosa, sacrale pietas, ne seppellisce il corpo.

Il secondo, che dice di amarlo come un figlio, scopre questa sua doppia vita e lo sequestra per redimerlo e vivere con lui un’esistenza “serena” fatta di rinunce, vergogna e castrazione, in una dipendenza reciproca, fino alla vecchiaia.

Emarginazione, desiderio, follia, passione e morte: tutti i temi scaldatiani si ritrovano in quest’opera di struggente bellezza, calata in una dimensione metafisica che alterna il lirismo dei versi alla crudezza del racconto.

All’inizio è il pensiero, a evocare le ombre. In un prologo silenzioso le immagini prendono vita, e si agitano nell’attesa di raccontare la loro storia.

Poi la visione trova la scrittura, e attraverso la poesia si incarna in sensualità e desiderio.  Ecco che il mistero del sogno può cominciare: apparizioni sghembe, visionarie, enigmatiche, si accendono e aprono squarci nella memoria. L’Autore si sdoppia: la mente li vede fuori da sé, e continua a stupirsi, in un giuoco infinito di finestre che volano, specchi, fiori e cimiteri, mentre il corpo prende coscienza, lentamente, di seguire le linee di un disegno che non governa. Unica via di uscita, per riuscire a riprendersi la sua vita, sarebbe di sopprimere chi lo ha generato.

Poi c’è la follia delle creature, che vogliono giocare, apparire, farsi vedere. Vite vissute e raccontate dallo scrittore come fossero la sua, creature nate o solo immaginate, scene di un film senza un inizio, senza una fine. E in ultimo c’è la storia.

Scritto nel suo palermitano sublime e poetico, ogni monologo viene detto da un personaggio e, frase dopo frase, ripetuto e tradotto dall’altra ombra, in un gioco di rispecchiamenti e sottomissione che in questo testo diventa particolarmente crudele e struggente.  Come sempre, nel mondo di Franco Scaldati, chi parla non è mai solo, anche se parla da solo.

Calendario delle rappresentazioni:

MER.    6 MAR h. 21:00

GIO.     7 MAR h. 21:00

VEN.    8 MAR h. 17:30

SAB.    9 MAR h. 17:30

DOM. 10 MAR h. 21:00

MAR. 12 MAR h. 17:30

MER. 13 MAR h. 21:00

GIO.  14 MAR h. 21:00

VEN. 15 MAR h. 17:30

SAB.  16 MAR h. 17:30

DOM. 17 MAR h. 21:00

MAR. 19 MAR h. 17:30

MER.  20 MAR h. 17:30

GIO.   21 MAR h. 21:00

VEN.  22 MAR h. 17:30

SAB.  23 MAR h. 17:30

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi