Gravina (Ct): verde pubblico e manutenzioni

L’avvocato Luca SCrofani è stato nominato liquidatore della partecipazione AGT multi servizi a Gravina di Catania. E nel centro del catanese sono già operativi gli affidamenti esterni per la gestione dei servizi di manutenzione del verde pubblico, del cimitero e delle pulizie degli edifici comunali.

A renderlo noto è la stessa amministrazione guidata dal sindaco Massimiliano Giammusso, a seguito della messa in liquidazione della partecipata. “L’esternalizzazione – afferma Giammusso – darà nuovo impulso all’efficacia dei servizi e soprattutto ha dato un futuro ai lavoratori”.

Gli fa eco il vicesindaco con delega alle manutenzioni e al verde pubblico, Rosario Condorelli: “con le economie realizzate dall’affidamento a ditte esterne sarà possibile includere nell’appalto la gestione del verde al parco Borsellino, fino a questo momento di competenza dell’unico giardiniere in organico al nostro Comune.

Attraverso questa misura avremo adesso – prosegue Condorelli – un’intera squadra che interverrà in maniera decisiva sula manutenzione del verde, fino ad oggi carente, nel nostro parco cittadino”.

Luca Scrofani è stato nominato liquidatore della Agt Multiservizi, in pieno accordo con gli altri comuni soci della partecipata e cioè Aci Castello, Aci Sant’Antonio e Tremestieri Etneo.

“Il consiglio comunale – ha detto Giammusso – lo scoro dicembre ha approvato la delibera con la quale si è disposta la messa in liquidazione dell’Agt: un provvedimento che si è reso necessario e inevitabile alla luce della critica situazione economico-finanziaria in cui versa l’azienda, da tre anni con i bilanci in perdita. Una condizione che è stata cristallizzata dalla relazione presentata dall’amministratore Roberto Cunsolo che ringraziamo per l’operazioe trasparenza che ha svolto in tal senso.

La decisione assunta, prima di tutto, rappresenta la chiara volontà politica di quest’amministrazione di migliorare i servizi e dare una speranza ai lavoratori che fino ad oggi hanno continuato ad operare senza ricevere lo stipendio, manifestando quindi un attaccamento all’azienda e spirito di servizio nei confronti dell’istituzione comunale.

Abbiamo messo al primo posto l’impegno per la salvaguardia dei posti di lavoro – ha concluso il primo cittadino – il percorso intrapreso è stato concordato con i sindacati e con la Prefettura che è stata coinvolta e informata dei passaggi che hanno portato alla delibera approvata in Consiglio comunale. I lavoratori hanno ripreso a operare e il nostro impegno continua affinché si raggiunga il pieno impiego di tutti gli ex lavoratori Agt”.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi