Sicilia: aree interne penalizzate dalla politica, l’Sos di SiciliAntica

L’Associazione SiciliAntica lancia un allarme: i centri interni della Sicilia e, in particolare, quelli della Sicilia centrale, rischiano, tra pochi anni, un vero e proprio tracollo economico, sociale e culturale.

Da tempo ormai la situazione è diventata insostenibile e si sta assistendo a un progressivo e inarrestabile processo di degrado e di abbandono che riguarda innanzitutto le infrastrutture, praticamente inesistenti, e in secondo luogo la mancanza di un concreto progetto di sviluppo economico che possa garantire un futuro a queste aree depresse delle quali il governo regionale sembra essersi completamente dimenticato.

E i recenti annunci dell’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Sebastiano Tusa, sembrano confermare questo dato: non sono previsti scavi, lavori di consolidamento o di messa in sicurezza, né restauri e creazione di percorsi di visita per le aree archeologiche della Sicilia centrale (fatta eccezione, forse, per la villa romana sita in contrada Gerace, nell’ennese) e non è prevista l’istituzione di nessun Parco Archeologico, nonostante SiciliAntica, proprio in questi giorni, abbia presentato agli organi competenti un’istanza per richiedere l’istituzione del Parco archeologico e naturalistico di Monte Scalpello.

Va però sottolineato che il governo regionale si ricorda di questa parte della Sicilia solo quando ci sono da approvare progetti per la costruzione di mega-discariche, come quella che la Oikos sta cercando di realizzare a Centuripe o per erigere opere pubbliche inutili e dannose, come la diga di Pietrarossa, nell’ennese, la cui edificazione rischierebbe di distruggere un insediamento romano di età imperiale, posto lungo la strada che collegava Catania ad Agrigento.

È giunto dunque il momento che Musumeci e la sua Giunta si mettano veramente al lavoro, intervenendo con fatti concreti e con opere virtuose: i centri interni della Sicilia hanno lanciato il loro ultimo grido di allarme e se non si interviene urgentemente, hic et nunc, rischiano di scomparire per sempre.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi