Catania: terremoto, Catalfo: “governo vicino ai catanesi”

Il governo nazionale ha dato immediata e concreta risposta ai catanesi, dichiarando lo stato di emergenza per un anno per i comuni etnei colpiti dal sisma e l’immediato stanziamento di 10 milioni per predisporre le prime attività di soccorso in favore delle popolazioni colpite dal sisma. “Questo rappresenta il primo passo per tornare alla normalità”.

A commentare così è la senatrice catanese dl Movimento 5 stelle, Nunzia Catalfo. I comuni interessati sono: Aci Bonaccorsi, Aci Catena, Aci Sant’Antonio, Acireale, Milo, Santa Venerina, Trecastagni, Viagrande e Zafferana Etnea.

La protezione civile ha anche emesso un’ordinanza, a firma di Angelo Borrelli, per le misure urgenti che prevede per la prima volta nella storia degli interventi emergenziali, un contributo massimo di 25 mila euro per la realizzazione degli interventi necessari a ripristinare in tempi rapidi le condizioni di agibilità degli immobili danneggiati non gravemente appartenenti ai nuclei familiari la cui abitazione principale sia stata sgomberata.

Il provvedimento, inoltre, stabilisce la nomina di commissario delegato per Calogero Foti, dirigente generale del dipartimento della protezione civile della regione e prevede la possibilità di chiedere la sospensione delle rate dei mutui e l’assegnazione di un contributo di autonoma sistemazione di un massimo di 900 euro mensili. I nuclei familiari composti da una sola unità percepirebbero 400 euro, quelli composti da due unità, 500 euro e quelli formati da tre 700 euro;  800 euro per quelli composti da quattro unità e 900 euro per quelli composti da cinque o più persone. Si potrà disporre di ulteriori 200 euro mensili se in famiglia ci sono persone con handicap o con invalidità non inferiore al 67% o persone con più di 65 anni di età.

“Adesso è arrivato il momento di dare la giusta tutela ai nostri territori predisponendo una reale attività di prevenzione e non solo di interventi emergenziali. A tal proposito – conclude la senatrice Catalfo – vorrei ricordare che il M5S nei mesi scorsi ha presentato all’Ars una mozione a firma della deputata regionale Gianina Ciancio, concertata con tutti gli ordini professionali e approvata dal Parlamento regionale, finalizzata a modificare la categorica sismica da zona 2 a zona 1 nella Sicilia orientale e, in particolare, nelle provincie di Catania e Siracusa. Un atto che impegnava ufficialmente il Governo Musumeci e che ancora attendiamo”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi