Comiso (Rg): il M5S sul progetto per la messa a reddito del patrimonio comunale

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del Movimento 5 stelle di Comiso, nel ragusano, in merito al progetto per la messa a reddito del patrimonio comunale.

Che fine ha fatto il progetto per  la messa a reddito del patrimonio comunale che non ci risulta, ad oggi, accatastata?

E’ stata presentata in data 12 dicembre c.m un’interrogazione consiliare relativa all’istituzione di unità di progetto ai sensi dell’art. 8 comma 3 del vigente regolamento sull’organizzazione degli uffici e dei servizi. In parole semplici, nel 2016 a seguito dell’atto deliberativo   di giunta ( delibera n 311 del 21/09/2016), veniva adottata la costituzione di un’unità di Progetto ai sensi dell’art. 8 comma 3 del vigente regolamento sula Organizzazione degli Uffici e dei Servizi, per la redazione del progetto avente come finalità: Bando per l’assegnazione della struttura da adibire a “Pensione per cani ed animali domestici” preso l’ex Base Nato, oltre ad accatastamento degli immobili interessati ed eventuale frazionamento; Progetto di un “Piano di Riconversione per l’edilizia residenziale”, di una parte dell’ex Base Nato ed emanazione del relativo bando;  Regolarizzazione degli immobili dell’ex Base Nato, già oggetto di concessione, per la definizione del relativo iter catastale attraverso l’accatastamento ed eventuale frazionamento; Regolarizzazione catastale degli immobili ed elaborazione di tutti gli atti di concessione o contratti di locazione relativi agli immobili non ancora accatastati. Tuttavia, risulta che personale dipendente del Comune di Comiso, inserito in questo progetto, sia stato retribuito mensilmente, a partire dal 2016, senza che siano stati ad oggi raggiunti gli obiettivi oggetto della Delibera adottata.

Non ci risulta che sia stato fatto un bando per l’assegnazione di una struttura interna all’ex base Nato, oggi aeroporto di Comiso, per la realizzazione di una pensione per cani, né ci risulta tutto il resto. Abbiamo per tanto chiesto in ordine a ciascuno dei punti descritti, di sapere lo stato di avanzamento, le azioni correttive e/o di mitigazione adottate al fine di superare le problematiche più complesse al fine di definire in modo completo ed in tutti i suoi aspetti la regolarizzazione del Patrimonio Immobiliare dell’Ente, le eventuali prossime attività e i tempi di consegna”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi