Gravina (Ct): il Comune incontra i consoli romeni

Ieri pomeriggio il consiglio comunale di Gravian i Catania si è riunito in sessione straordinaria in occasione della visita dei consoli romeni per la Sicilia e Malta, Joan Iacobe, Carmen Liliana Iacob.

Il sindaco Massimiliano Giammusso e il presidente del consiglio comunale, Claudio Nicolosi, hanno dato il benvenuto ai diplomatici della repubblica di Romania che hanno da tempo un legame con le autorità cittadine.

“Per noi è un piacere ospitare i rappresentanti della diplomazia romena nel nostro territorio – commenta il primo cittadino – il nostro comune ospita tanti cittadini romeni che sono diventati ormai parte integrante della nostra comunità. Con quest’incontro poniamo le basi per rinsaldare questi legami e aprire la strada a nuovi percorsi di integrazione”.

A fargli eco è stato il presidente del consiglio Claudio Nicolosi, organizzatore dell’iniziativa, che ha espresso in apertura grande soddisfazione per la nutrita partecipazione di pubblica. “Con questo incontro – dichiara Nicolosi – abbiamo voluto dare testimonianza dell’amicizia che ci lega ai cittadini romeni e ai loro rappresentanti. La comunità romena che domicilia e lavora a Gravina è la più numerosa tra quelle di stranieri nel nostro comune.

Ringrazio anche le persone che sono intervenute alla sessione consiliare portando il loro contributo e le loro esperienze quotidiane. Sono emerse tante belle storie di integrazione che rappresentano un esempio virtuoso. Per questo, grazie alla disponibilità di quest’amministrazione – ha concluso Nicolosi – cercheremo di farci promotori del dialogo su questi temi anche nel comprensorio etneo”.

“Ringraziamo le autorità di Gravina per l’invito – hanno commentato i Consoli Iacob– e siamo sicuri che ci saranno altre occasioni per continuare questo percorso costruttivo. L’apertura delle amministrazioni locali alle istanze e alle esigenze dei cittadini stranieri rappresenta un punto di forza. Il nostro obiettivo è quello di creare anche una rete di relazioni internazionali tra i territori locali dei nostri Paesi, rivolgendo lo sguardo anche agli scambi culturali”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi