Palermo: debutto in prima nazionale di Faust

Con il debutto in prima nazionale di Faust ovvero Arricogghiti u filu di Vincenzo Pirrotta, mercoledì 24 ottobre alle ore 21.00, si inaugura nella Sala Strehler la nuova stagione del teatro Biondo di Palermo.

Lo spettacolo, prodotto dal teatro Biondo, è interpretato dallo stesso Pirrotta e da Cinzia Maccagnano. Le musiche originali di Luca Mauceri. Repliche fino al 4 novembre.

Ispirandosi all’opera teatrale La tragica storia del Dottor Faust di Cristopher Marlowe (scritta nella seconda metà del XVI secolo), prima potente incarnazione del mito faustiano, Pirrotta trasporta nei nostri giorni il mito dell’uomo assetato di scienza, bellezza e successo, che stringe un patto col diavolo.

Nella mia trasposizione – spiega Pirrotta – sono preponderanti due aspetti: la continua colluttazione tra Faust e la sua coscienza, che nell’opera di Marlowe è rappresentata dal contrasto tra l’angelo buono e l’angelo cattivo, e l’incontro con i vizi capitali. Se Marlowe descrive Faust come erede ribelle della Riforma e dell’Umanesimo, riassumendo in sé i laceranti scontri ideologici e morali dell’epoca elisabettiana, pur rispettando la sua struttura drammaturgica io mi spingo oltre immaginando un Faust dei nostri giorni, gonfio d’orgoglio e di disperazione. Ho cercato di capire quali strumenti utilizzerebbe un Mefistofele d’oggi per conquistare le anime, concentrandomi non tanto sulla questione morale, quanto sull’omologazione e sullo svuotamento delle intelligenze che viviamo nel nostro tempo”.

Per trasportare la vicenda descritta da Marlowe nei nostri giorni, Pirrotta utilizza un linguaggio diretto e potente, intriso di sonorità dialettali e attribuisce ai personaggi di Faust, da egli stesso interpretato, e di Mefistofele, affidato a Cinzia Maccagnano, significati simbolici che suggeriscono inedite interpretazioni.

Il mio Faust si ispira a La tragica storia del Dottor Faust di Cristopher Marlowe, prima potente incarnazione del mito faustiano, assetato di scienza e di bellezza ma anche di successo. Faust è un ateo che sogna di farsi dio e per questo si vende al diavolo.

Nella mia trasposizione sono preponderanti due aspetti: la continua colluttazione tra Faust e la sua coscienza, che nell’opera di Marlowe è rappresentata dal contrasto tra l’angelo buono e l’angelo cattivo, e l’incontro con i vizi capitali. Se Marlowe descrive Faust come erede ribelle della Riforma e dell’Umanesimo, riassumendo in sé i laceranti scontri ideologici e morali dell’epoca elisabettiana, pur rispettando la sua struttura drammaturgica io mi spingo oltre immaginando un Faust dei nostri giorni, gonfio d’orgoglio e di disperazione. Ho cercato di capire quali strumenti utilizzerebbe oggi Mefistofele per conquistare le anime, concentrandomi non tanto sulla questione morale, quanto sull’omologazione e sullo svuotamento delle intelligenze che caratterizzano il nostro tempo.

La scena è disseminata di simboli nascosti, il cui significato non sarà mai svelato, che appartengono a una dimensione esoterica con la quale il personaggio di Faust intrattiene una relazione costante e conflittuale. Ho concepito questa discesa agli inferi del protagonista come una sorta di rituale, una liturgia che Faust celebra insieme a Mefistofele, ma della quale non è mai del tutto consapevole. Faust rappresenta, per me, il contrario del pensiero socratico: il suo è un delirio di onnipotenza, che lo porta a credere di aver raggiunto la conoscenza totale al punto di volersi spingere oltre, sconfinando dal fisico al metafisico, potremmo dire dalla fisica alla patafisica, per usare l’espressione di Jarry. Nell’illusione di poter raggiungere una conoscenza totale, offuscato da questo pensiero, Faust non si rende conto che si sta giocando la sua eternità, e quando se ne renderà conto sarà ormai troppo tardi.

Diversamente da Marlowe, nel quale è centrale la questione religiosa, a me interessa concentrarmi sulla storia di un singolo individuo, che però è il simbolo di tutta l’umanità. In tal senso, questa storia esemplare, che non ha nessun intento moralistico, è il ritratto dell’uomo contemporaneo, il racconto della sua mediocrità, dell’obnubilamento di fronte alla folle illusione di poter governare il mondo, che in realtà ci governa attraverso i suoi subdoli e pervasivi sistemi di controllo”.

calendario delle rappresentazioni

mer. 24 ottobre ore 21.00

gio. 25 ottobre ore 17.30

ven. 26 ottobre ore 17.30

sab. 27 ottobre ore 17.30

dom. 28 ottobre ore 21.00

mar. 30 ottobre ore 17.30

mer. 31 ottobre ore 21.00

gio. 1 novembre ore 21.00

ven. 2 novembre ore 17.30

sab. 3 novembre ore 17.30

dom. 4 novembre ore 21.00

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi