Mezzojuso (Pa): verso la sagra della castagna fra tradizioni e arte

Venerdì sarà inaugurata la mostra di Guccione

Ci sarà anche spazio per l’arte alla sagra della castagna in programma a Mezzojuso, nel palermitano, dal 26 al 28 ottobre. Al castello comunale sarà inaugurata la mostra personale di pittura del maestro Roberto Guccione.

In programma per questi tre giorni, escursioni, spettacoli, natura, cultura e arte. Si partirà venerdì 26 ottobre con il Mezzojuso eco tour junior con una visita al castagneto da parte delle scolaresche con liberazione di alcune specie di rapaci a cura della Lipu. Gli stand enogastronomici saranno aperti alle 17.00 dalla sfilata dei gruppi folkloristici e saranno accompagnati dall’animazione musicale.

Alle 18.30 di venerdì 26 ottobre sarà inaugurata la mostra pittorica dell’artista Roberto Guccione al castello comunale. Seguirà alle 22.30 lo spettacolo di cabaret con matranga e Minafò e Roberto Lipari in piazza Umberto I.

Sabato e domenica, ancrao in programma escursioni e visite guidate, nonché degustazioni di piatti tipici a base di castagne. Nel pomeriggio opera dei pupi e animazione per i bambini, mentre la sera concerto di Lello Analfino e i Tinturia in concerto, e a partire dalle 24.00 la silent disco in piazza principe Corvino.

Domenica 28 ottobre Castagnamola, il dolce fatto in casa, il secondo concorso gastronomico sulla castagna al castello comunale e dalle 16.00 alle 20.00 il secondo festival di tamburi, musici e sbandieratori con la partecipazione di I tamburi di Buccheri (Sr), musici e sbandieratori real trinacria Trapani Erice (Tp), i tamburi di Giarratana (Rg). Concluderà la serata il concerto di musica celtica con l’Irish quartet in piazza principe Corvino. Non tutte le manifestazioni saranno gratuite, nel programma è specificato quelle per cui è previsto il pagamento di un ticket.

L’inaugurazione della mostra di Guccione, invece, sarà inaugurata anche alla presenza dell’assessore alla cultura, Nicola Di Grigoli e di Donatella Cannizzaro, dell’associazione “Il senso del benessere”.

Di Roberto Guccione dicono: “artista che afferma di dipingere per emozionare…ebbene sì: ci riesce alla grande a…Emozionare. Tutte le sue creazioni sono “emozione pura”, e non solo. Sono anche…colore che esplode in tutta la sua caleidoscopica assonanza con la natura. Con la bellezza delle forme che, seppur appena accennate, quasi diafane, riescono tuttavia a prendere corpo, ed impressionano la retina come una pellicola che brucia al cospetto dell’energia dei raggi del sole. Anche lo splendore della luna e delle stelle viene smorzato dalla luce che emanano i dipinti di questo artista.

La sua mano sembra accarezzare la tela, mentre fiumi di colore prendono forme fantastiche, che danzano come una dolcissima sinfonia che avvolge e culla lo spettatore, conducendone lo spirito in un mondo incantato. Tuffandoci nei suoi dipinti, ci immergiamo in un lago di inebriante ambrosia. Il suo stile pittorico unico ed inconfondibile lo distingue per estrosità ed ingegno, e soprattutto per un talento che mozza il fiato.

Il maestro Guccione riesce a donarci poesia con la sua arte. L’energia che sprigionano i suoi dipinti è atomica. Cromie calde e sensuali irrompono nelle immagini che prendono forma definendo tutte le nostre emozioni. Innanzi a ogni tela del maestro Guccione, tutto evolve in gioia. Le sue pennellate vellutate ci catturano, ci fanno sognare ad occhi aperti. Essere dinanzi a un suo dipinto è tutta una esperienza esaltante.

Tutti i suoi lavori emanano il profumo e la fragranza dei colori dell’arcobaleno, della serenità che va oltre la tela. Lui riesce a donare l’energia e la forza che muove la vita stessa. E un vero artista è tutto questo che deve comunicare: deve far sognare, deve esaltare, emozionare con la sua sensibilità. La sensibilità del vero artista ci guida a trovare tutte le emozioni che avvolgono i suoi dipinti, e a saperle riconoscere. Crea delle sensazioni che esaltano lo spirito dello spettatore, di coloro che se li trovano innanzi.

Sin da bambino l’arte del maestro è un inno alla passione, al fuoco, alla sensualità di un animo tutto siciliano. E chi meglio di lui, figlio della meravigliosa terra di Sicilia, poteva mettere su tela tutta l’energia del fuoco del vulcano etneo. Tutta la sua arte è emozione, magnetismo, colore, passione, sensualità di un puro spirito siciliano”.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi