Catania: droga, armi e corruzione, 21 ordinanze

Ventuno persone sono state raggiunte da ordinanze di custodia cautelare in carcere. Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla coltivazione, produzione, trasporto, detenzione e cessione delle stesse, reati in materia di armi, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio e favoreggiamento personale nell’operazione denominata Beautiful Hybryd.

Oggi su delega della procura di Catania, gli agenti hanno arrestato Rocco Cannizzaro in esecuzione dell’ordinanza emessa il primo ottobre del 2018. Cannizzaro, nel corso dell’esecuzione della misura cautelare lo scorso 9 ottobre, era risultato irreperibile perché all’estero. Dopo le formalità di rito l’uomo è stato ritenuto responsabile di detenzione e cessione di droga.

Le manette sono scattate anche ai polsi di Sebastiano Miano, pregiudicato, latitante, 24 anni, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso lo scorso 28 settembre. Dovrà scontare una pena ad 1 anno, 8 mesi e 10 giorni di reclusione per evasione e resistenza a pubblico ufficiale.

Miano è stato rintracciato in un’abitazione nel rione cittadino Pigro. L’uomo, alla vista degli agenti della Catturandi, per sottrarsi all’arresto ha tentato invano la fuga, cercando di calarsi da un balcone dell’appartamento al terzo piano, ma è stato bloccato. Dopo le formalità di rito è stato associato al carcere di Catania Bicocca.

Agenti dela squadra catturandi hanno arrestato Giuseppe Mannuccia, 35 anni, pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva ai domiciliari. Dovrà scontare una condanna a 2 anni, 2 mesi e 2 giorni di reclusione per furto.

Arrestato anche Maurizio Franco Paesano, pregiudicato di 55 anni, sottoposto attualmente ai domiciliari, destinatario di ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare. Il provvedimento è stato emesso lo scorso 18 ottobre dalla procura presso la corte d’appello di Catania. dovrà scontare la pena di 8 mesi di reclusione per minacce e violazione di domicilio.

In manette è finito il pregiudicato Maurizio Di Nunzio, 45 anni, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso il 7 febbraio scorso. Dovrà scontare una pena di 2 anni di reclusione per furto aggravato.

E, ancora, Agatino D’Agata, pregiudicato di 42 anni, destinatario di ordine di esecuzione per l’espiazione presso il domicilio delle pene detentive emesso il sedici ottobre scorso. Dovrà scontare una pena di 2 anni e 1 giorno di reclusione per armi.

Santo Strano, pregiudicato, detenuto per altra causa, è stato arrestato perché dovrà scontare una condanna a 1 mese e 12 giorni di reclusione per associazione per delinquere di stampo mafioso, appartenenti al clan Cappello-Bonaccorsi.

Ignazio Grasso, 40 anni, pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione per l’espiazione presso il domicilio delle pene detentive. Dovrà scontare la condanna a 3 mesi e 10 giorni di reclusione per evasione.

Arrestato anche il tunisino Jaouhar Bouajila, 25 anni, destinatario di una condanna a 10 mesi e 18 giorni di reclusione per i reati di violazione di domicilio e lesioni personali.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi