Catania: marijuana anche fra i 12enni, controlli a scuola

Controlli della polizia di Stato nelle scuole a Catania. in particolare gli agenti del commissariato Borgo Ognina in piazza Europa hanno effettuato dei controlli e scoperto fra gli assuntori di marijuana, anche ragazzini di 12 anni.

I controlli si sono estesi anche nella zona di piazza Europa nei pressi del centro commerciale Borghetto Europa. Gli agenti hanno notato circa 60 giovani, divisi in gruppetti, intenti a fumare presumibilmente marijuana. Era evidente per il forte odore di canapa bruciata che si avvertiva nell’aria.

Per questo motivo gli agenti sono intervenuti identificando 5 ragazzini dai 12 ai 15 anni a cui è stato contestato l’uso personale di droga. Per questo motivo, in presenza dei genitori convocati sul posto, oltre al sequestro della droga rinvenuta, i militari saranno segnalati alla prefettura per partecipare ai previsti piani di recupero.

I ragazzi sono stati anche segnalati ai servizi sociali e al tribunale dei minori. Un ragazzino di meno di 12 anni, oltre alla droga, aveva anche un pacchetto di sigarette.

Brevi momenti di tensione si sono verificati quando un quindicenne, palesemente nervoso e infastidito per le contestazioni rivoltegli dalla polizia, si è scagliato con violenza contro la polizia, oltraggiando i poliziotti, rendendo necessario l’intervento di diversi poliziotti e dello stesso genitore. Indagata anche la madre del giovane per violazione dell’obbligo dell’istruzione scolastica. Il minorenne, infatti, con il consenso della madre, aveva interrotto gli studi sin dall’età di 13 anni

Gli agenti hanno anche fermato e indagato un giovane che stava spacciando droga a una minorenne. Nel corso dell’operazione si è proceduto al sequestro penale di numersoe dosi di droga e del denaro rinvenuto dentro lo zaino dello spacciatore che ha ammesso ogni addebito.

Anche in questo caso la minore è stata segnalata alla prefettura e ai servizi sociali atteso l’atteggiamento ostile manifestato nei riguardi del genitore giunto in loco e della stessa polizia di Stato.

Nel corso dei controlli, molti genitori convocati hanno ringraziato i poliziotti. Solo in un caso una donna ha oltraggiato la polizia di Stato con frasi irriguardose, affermando che questa istituzione dovrebbe pensare a cose più importanti.

Dall’inizio dell’anno scolastico in corso, il commissariato Borgo Ognina ha già indagato tre maggiorenni, di cui uno finito in manette, per spaccio di marijuana a minori. Ha constatato e segnalato 15 casi di uso personale di droga e ha effettuato sei controlli di polizia in istituti scolastici con numerosi minori identificati.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi