Messina: vertenza vigilanza venatoria, lavoratori ascoltati in prefettura

La situazione sul territorio è fuori controllo come dimostra la stessa denuncia del WWF a livello regionale. La FP CGIL dopo 2 mesi di proteste, una manifestazione lo scorso venerdì sotto la Città Metropolitana e un presidio odierno in Prefettura, è stata ascoltata dal capo di gabinetto della prefettura dott.ssa Minutoli e dal dott. Gullì, su quanto accaduto in merito alla vertenza che riguarda il personale della vigilanza venatoria.

Alla dott.ssa Minutoli è stata consegnata una dettagliata relazione sull’intera vertenza ed in particolare su quanto accaduto nell’ultimo anno e mezzo e sulle inadempienze della Città Metropolitana.

La FP CGIL ha chiesto con forza, tenuto conto che è stato impossibile arrivare ad un confronto con il sindaco metropolitano, che da 2 mesi non ha alcuna intenzione di incontrare il sindacato ed i lavoratori, la riapertura del tavolo prefettizio per poter affrontare la questione e una volta per tutte rappresentare al Sindaco quali sono le motivazioni che non ci fanno comprendere la scelta della Città Metropolitana”.

Il capo di Gabinetto ha assicurato alla FP CGIL e ai lavoratori che a breve si avrà qualche notizia e che il prefetto, già a conoscenza della questione, sarà informato sugli sviluppi della stessa.

La FPCGIL ha anche colto l’occasione per rappresentare ai vertici della prefettura la grave situazione che incombe sull’intero territorio provinciale per il controllo venatorio e come le scelte della Città Metropolitana non facciano che aggravare questo stato di cose. Si aggiunga che a seguito dei fatti succedutisi nel territorio messinese e sull’intero territorio provinciale il WWF a livello regionale a denunciato la grave situazione di crisi e chiesto interventi radicali”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi