Tortorici (Me): presentati i nuovi libri di don Benedetto Lupica

sull'alluvione del 1682 e monsignor Gaetano Galbato

Ritornano gli appuntamenti culturali alla chiesa della “Batìa” a Tortorici. Sono stati presentati gli ultimi due libri di don Benedetto Lupica, sacerdote nel centro nebroideo. Il primo dal titolo “La nuova relatione dell’inondatione, alle origini della letteratura sull’alluvione di Tortorici del 5 giugno 1682” e il secondo sulla figura di monsignor Gaetano Galbato (1707-1786) “Il vescovo dei tortoriciani”.

Come sempre i cittadini oricensi hanno partecipato con attenzione e interesse alla presentazione dei due volumi, entrambi editi dal locale centro di storia patria Franchina. Ad aprire i lavori, con i saluti di rito, sono stati Salvatore Foti, presidente del centro di storia patria e del vice sindaco Antonio Paterniti Mastrazzo.

Il libro sull’alluvione che distrusse il centro nebroideo nel 1682, presentato dalla professoressa Maria Rosa Vitanza, è l’analisi critica della più antica relazione datata sull’alluvione. Un documento trovato da padre Benedetto Lupica nella biblioteca all’accademia dei Lincei.

A presentare il libro sul vescovo di origini oricensi è stato, invece, don Giuseppe Agnello, parroco a Sant’Agata di Militello. Inoltre, per la prima volta, per l’occasione è stata esposta al pubblico la mitria del XVIII secolo appartenuta a Galbato. Per la stesura di questo testo padre Benedetto, ha usato documenti inediti tratti dall’archivio segreto vaticano e dall’archivio della chiesa madre di Tortorici dedicata a Santa Maria Assunta.

Fra i relatori anche l’avvocato Calogero Randazzo, già presidente del centro di storia patria di Tortorici e il professore Roberto Princiotta, già direttore del museo fotografico Franchina-Letizia.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi