Gela (Cl): circonvenzione incapaci e sfruttamento della prostituzione, smascherata società con romeni

Un guadagno illecito da 100 mila euro per associazione a delinquere, circonvenzione di incapaci, induzione e sfruttamento della prostituzione.

I carabinieri tra Gela e Niscemi nel nisseno, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e perquisizioni disposte dalla procura di Gela.

L’indagine, denominata San Giuseppe, ha permesso di ricostruire minacce e violenze subìte da diverse vittime. Gli indagati avevano sottratto denaro ad anziani che poi veniva spedito in Romania. Così è stata smascherata l’associazione capeggiata da un italiano che si avvaleva di romeni.

Al vertice dell’organizzazione c’era Emanuele Murana. Era lui che, attraverso minacce e violenze, si faceva consegnare da anziani. Murana si serviva di due complici romeni: Enela Ciubotaru e Vasile Daniel Ciubotaro.

La donna circuiva gli anziani per rubarli e farsi fare dei regali, mentre il nipote faceva da tramite tra Romania e Sicilia e cercava per conto di Murana delle donne romene da far conoscere alle vittime, ponendosi alla pari di una vera e propria agenzia matrimoniale e mostrando loro un catalogo virtuale delle persone da scegliere.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi