Castellammare del Golfo (Tp): tonnara di Scopello, punti oscuri nell’affidamento della gestione

La Giuseppe blunda prepara ricorso

L’antica tonnara di Scopello, frazione di Castellammare del Golfo, nel trapanese, non ha pace. Un posto splendido, amato dai turisti e soprattutto scelto da registi e produttori cinematografici di tutto il mondo anche per le loro riprese.

L’acqua turchina, i faraglioni a guardia dell’antica tonnara e la baia. Un posto unico che il 28 maggio del 2017 era stato sequestrato su disposizione del tribunale civile di Trapani.

All’epoca il giudice aveva affidato la gestione del bene ad un custode giudiziario. La sentenza arriva al termine di un contenzioso tra i tanti propritari della tonnara. Una spaccatura non sanata che ha portato il tribunale ad affidare l’immobile e tutte le attività che si svolgono al suo interno ad un professionista esterno.

Oggi fra rinvii, sospensioni e carte bollate, restano dei punti oscuri nell’iter di affidamento della gestione del sito turistico. Da ultimo è stata esclusa la Giuseppe Blunda sas, società del luogo, così coe la Tonnara di Scopello srls, due giorni prima della conclusione della gara.

In questi giorni la Giuseppe Blunda sas presenterà ricorso per ottenere chiarezza. In gara è restata solo una costituenda società.

La tonnara di Scopello è chiusa al pubblico dallo scorso gennaio e nessuno, turista siciliano o straniero che sia, potrà più godere della bellezza dei famosi faraglioni. A sottolineare la vicenda è la Giuseppe Blunda sas, impegnata da anni per lo sviluppo turistico della Sicilia e che ha partecipato al bando, molto poco pubblicizzato, per l’assegnazioen della gestione della tonnara di Scopello.

Il canone annuo di locazione viene indicato in 324 mila euro, con l’obbligo per il conduttore di stipulare una polizza fideiussoria per 300 mila euro. “Inoltre – scrive la Giuseppe Blunda – per l’assegnazione del sito il giudice del tribunale di Trapani avrebbe dovuto prendere in considerazione l’offerta maggiormente conveniente, tenuto conto del prezzo offerto e delle capacità/qualità del soggetto imprenditore offerente.

La nostra società – prosegue il titolar Giuseppe Blunda – è stata esclusa dalla gara senza alcun motivo valido. Ci viene infatti contestata la mancanza di adeguata esperienza nel settore turistico e la non iscrizione al SUAP. Tuttavia, la Giuseppe Blunda sas, come comunica l’azienda stessa, ha prodotto ampia documentazione del proprio impegno in campo turistico.

La società con sede a Castellammare del Golfo si occupa, tra le altre cose, di offrire in locazione a turisti italiani e internazionali immobili per le loro vacanze in Sicilia. Inoltre, il bando prevede l’esclusione della finalità alberghiera per la tonnara di Scopello e, dato che solo le attività alberghiere e similari presuppongono la comunicazione al SUAP, non si comprende la richiesta di iscrizione al SUAP, requisito non presente nel bando di gara”.

Dopo l’esclusione della Giuseppe Blunda e della Tonnara di Scopello srls dalla gara, adesso resta in lizza soltanto una costituenda società che, non essendo società ancora costituita, non può assolutamente avere alcuna competenza comprovata nel settore turistico e, nella specie, alcuna iscrizione presso il componente SUAP”.

“A pagare lo scotto di queste gare ‘poco chiare’ alla fine sono sempre i cittadini e l’economia siciliana – conclude la Giuseppe Blunda sas – La nostra offerta economica è di gran lunga superiore a quanto richiesto nel bando, siamo un’azienda solida e ben radicata sul territorio, la nostra esperienza nel settore turistico è ampiamente provata: chiediamo solo di poter partecipare alla gara e di ridare lustro e vitalità alla meravigliosa Tonnara di Scopello che da troppo tempo è stata indebitamente sottratta a cittadini e turisti”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi