Catania: degrado e abbandono nella IV municipalità

Stritolati dall’incuria, dal degrado, dalla mancanza di sicurezza e da un continuo scarico di rifiuti. Abitanti e commercianti della IV municipalità contro le strade abbandonate di Cibali, San Nullo e San Giovanni Galermo.

Decine di vie che collegano la circonvallazione e il centro della città con la parte nord di Catania ma che, all’occorrenza, si trasformano in pattumiere a cielo aperto.

“In qualità di consigliere della IV municipalità – scrive Erio Buceti – nel corso di sopralluoghi e visite ispettive ho avuto modo di confrontarmi con i pendolari ed i componenti dei locali comitati cittadini che hanno sottolineano come spesso in molte strade, in mezzo ad ampi terreni abbandonati, imperversano branchi di cani randagi o dove ci viene scaricato di tutto.

Via degli Ulivi, viale Benedetto Croce, via Macello, via Villa Flaminia, via Ercole Patti solo per citarne alcune. Luoghi dove, nel periodo estivo, scoppiano incendi di vaste dimensioni, come l’anno scorso, con la gente costretta a restarsene chiusa in casa in attesa dell’intervento dei vigili del fuoco.

Allo stesso modo, nel periodo invernale con le ondate di maltempo, molte strade si allagano e diventano impraticabili perchè il sistema per il deflusso delle acque piovane non funziona. Non solo, dalla mancanza di manutenzione costante si passa poi alla carenza di sicurezza con molte strade quasi completamente al buio e con il viavai di coppiette che si appartano o prostitute che esercitano il mestiere più vecchio del mondo davanti agli asili nido oppure a pochi metri dalle abitazioni.

Insomma si tratta di zone diverse, situazioni differenti ma il quadro desolante è sempre lo stesso. Strade dove adesso le erbacce cominciano a invadere i bordi delle carreggiate rendendo il flusso veicolare più difficile. Non solo, oltre alla potatura ed all’eliminazione delle discariche abusive, nel nostro territorio tiene banco anche il nodo legato alla questione dei  randagi. Branchi che, qualche volta, stazionano tra Cibali e San Giovanni Galermo.

Cani che hanno un aspetto docile ed innocuo ma suscitano comunque un certo timore tra alcuni passanti. Cosa fare allora? A chi rivolgersi? In tutti questi anni l’amministrazione comunale ha ampiamente dimostrato di non sapere affrontare emergenze come questa lasciando la municipalità di “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo” in balia dell’incuria e della microcriminalità.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi