Catania: aree relitto nelle periferie catanesi

Terreni comunali vasti, abbandonati, mai recuperati e mai destinati ad un qualsiasi tipo di progetto di sviluppo. Si presenta così la fascia esterna della città di Catania con le cosiddette aree relitto. Da Nesima a Monte Po, da San Giovanni Galermo a Librino, da San Giuseppe La Rena a San Giorgio.

Sono lì, abbandonate, eppure potrebbero essere delle risorse per l’intera città. È questo il motivo che porta il consigliere comunale Maurizio Mirenda a chiedere all’amministrazione un piano di interventi per i lotti completamente invasi dalla spazzatura e dalle erbacce.

“Terreni – sostiene Mirenda – che potrebbero essere riconvertiti in luoghi di socializzazione o essere venduti ai privati facendo cassa invece di rappresentare allo stato attuale, vere e proprie ferite aperte per Catania.

Le idee, le proposte e i suggerimenti sul loro utilizzo non mancano e sono stati raccolti nel corso degli innumerevoli sopralluoghi effettuati dal sottoscritto – prosegue Mirenda – al contrario finora è mancata la reale volontà di restituire ai cittadini questi siti.

Terreni che vanno puliti, recintati e protetti per poterci costruire bambinopoli, piazze e persino parchi: qualsiasi soluzione potrebbe andare bene purché le periferie catanesi non restino più in queste condizioni”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi