Palermo: “Io c’ero”, il sorprendente romanzo su Salvatore Giuliano

Sarà presentato in anteprima a Palermo alla Feltrinelli il 9 marzo alle 18.30 “Io c’ero”, il nuovo romanzo di Valentina Gebbia, Giacomo Bommarito e Nunzio Giangrande su Salvatore Giuliano.

Tanti gli interrogativi che ruotano attorno alla figura di Salvatore Giuliano, anche sul perché i documenti che lo riguardano sono ancora coperti dal segreto di Stato. Un giovane amato dalla sua terra che ancora oggi lo ricorda con affetto, un bandito terribile di cui persino i servizi segreti internazionali si sono occupati.

Salvatore Giuliano è stato accusato di essere il fautore della strage di Portella della Ginestra e il suo nome fa ancora discutere a quasi 70 anni dalla morte.

Molti, troppi i misteri attorno alla figura del bandito Salvatore Giuliano. Su di lui ha indagato la scrittrice, giornalista e regista Valentina Gebbia insieme al criminologo Nunzio Giangrande. Dal loro lavoro è nato il libro “Io c’ero”, con la testimonianza dell’ultimo testimone oculare, oggi ultraottantenne, che fu la vedetta di Salvatore Giuliano  e che gli  è stato accanto durante la latitanza.

Dal suo racconto emergono scioccanti rivelazioni che rimettono in discussione l’intera storia raccontata su Salvatore Giuliano. A Palermo nel corso della presentazione in anteprima del romanzo edito da Flaccovio Editore, si scoprirà qualcosa in più.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi