Mascali (Ct): sequestrate due cave abusive dai carabinieri del Noe

Nuovo sequestro di cave abusive a Mascali effettuato dai carabinieri del Noe, nucleo operativo ecologico di Catania. Denunciati alla procura il titolare della ditta e il figlio, già denunciato per gli stessi reati nei mesi passati.

I carabinieri del Noe in collaborazione con i colleghi della stazione di Mascali hanno avviato opportune indagini dopo i diversi sequestri di qualche mese fa nel territorio di Mascali per l’estrazione di materiale basaltico lavico. Sono stati così controllati altri siti di altre cave dove queste operazioni apparivano essere state compiute anche in un recente passato.

Al termine delle indagini i carabinieri hanno notificato ad A.L. e R.L. titolare e collaboratore di una conosciuta ditta operante nel settore, un nuovo decreto di sequestro emesso dalla procura di Catania su due distinte cave in località Mertole e in località Costasovere della frazione di Puntalazzo di Mascali.

Il primo sequestro è stato eseguito sull’area di una precedente cava autorizzata a Mertole. La concessione era stata rilasciata dal distretto minerario di Catania ed era scaduta dal dicembre del 2015. Qui le indagini hanno dimostrato che le operazioni di estrazione del materiale erano proseguite abusivamente dopo la data autorizzata e certamente fino al mese di luglio del 2017.

Il secondo sequestro ha riguardato un’altra area poco distante in località Costasovere. Qui sempre i due, padre e figlio, avevano condotto ulteriori estrazioni abusive nell’estate del 2017. In questo caso la procura ha disposto anche il sequestro di un escavatore e di una pala meccanica che sarebbero stati utilizzato per compiere attività estrattiva abusiva.

L’estrazione di materiale basaltico lavico senza autorizzazione fa preoccupare per i danni che le attività condotte abusivamente, senza alcuna regolamentazione, sono risultate aver arrecato ed arrecare oggi in maniera irreparabile dei danni. Inoltre, il comune di Mascali è in gran parte sottoposto a vincoli paesaggistici. Nel corso degli anni, però, questi vincoli non sono riusciti ad impedire il proliferare illecito di cave di estrazione abusiva ed incontrollata di materiale lavico.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi