Catania: omicidio plurimo, due libici condannati a 30 anni

Omicidio plurimo in concorso. È questo il pesante reato di cui sono stati accusati i due libici Ahmad Abdelkarim Alla e Abd Arahman Abd Al Monssif, rispettivamente 22 e 21 anni, condannati in primo grado a 30 anni di reclusione.

I due, in concorso tra loro e con altri correi, anche loro condannati in primo grado per il medesimo reato, già sottoposti a misura cautelare per il delitto di omicidio, durante la navigazione impedivano ai migranti con violenza di salire al ponte superiore, provocando così la morte per asfissia a 49 persone.

Il 17 agosto del 2015 i due libici condannati erano stati arrestati dagli agenti della squadra mobile in collaborazione con la guardia di finanza per omicidio e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Facevano parte di un equipaggio di un’imbarcazione di circa 13 metri, partita dalle coste libiche, soccorsa il 15 agosto dalla marina militare italiana.

A bordo del natante erano stati soccorsi 313 migranti e recuperate 49 salme. I migranti e i cadaveri erano stati successivamente trasferiti a bordo della nave della Siem Pilot battente bandiera norvegese, giunta il 17 agosto al porto di Catania con altri 103 migranti soccorsi in acque internazionali da altra unità navale.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi