Mussomeli (Cl): lavoro nero e contraffazione, sequestri della finanza

Lavoro nero, droga e contraffazione. Agenti della guardia di finanza hanno scoperto undici lavoratori in nero a Mussomeli, nelle prime settimane di gennaio.

Il settore maggiormante coinvolto è quello della ristorazione. In particolare, nello scorso fine settimana in un noto locale nei pressi del castello Manfredonico, è stata accertata e contestata la presenza di sei lavoratori privi di contratto di assunzione.

Ciò comporterà la sanzione accessoria della chiusura temporanea dell’attività commerciale, tenuto conto che il numero dei lavoratori in nero riscontrato è superiore al limite del 20% rispetto ai dipendenti effettivamente in organico.

L’azione della finanza, oltre a reprimere le violazioni di natura giuslavoristica, viene svolta in un’ottica di giustizia sociale. Troppi sono i datori di lavoro che approfittano della disperazione di chi accetta di lavorare anche rinunciando ai propri diritti di lavoratore.

Nel giorno del mercato settimanale a Mussomeli le fiamme gialle hanno proceduto al sequestro di 1.400 accessori per smartphone e cellulari sprovvisti del marchio Ce e privi delle indicazioni obbligatorie in lingua italiana sulla provenienza del prodotto, sul loro utilizzo e sul tipo di materiale adoperato per la fabbricazione.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi