Ragusa: smascherate due cyber criminali

Due cyber criminali sono state smascherate dagli agenti della polizia di Stato di Ragusa. Le due donne agivano da diverse province venete.

Le donne, una romena e l’altra moldava, hanno colpito nelle province di Ragusa e Torino e in quella campana. Hanno provocato notevoil danni economici alle vittime, solitamente piccoli artigiani o professionisti di vari settori.

Due i casi risolti dai poliziotti guidati dal commissario capo Filiberto Fracchiolla che hanno acquisito i primi elementi dalle denunce presentate in questura. Le parti offese erano, in entrambi i casi, due studi di amministrazionen condominiale di Ragusa.

In entrambi i casi l’amministratore aveva ricevuto via mail la fattura emessa da una ditta e relativo corrispettivo dei lavori condominiali commissionati.

Successivamente le fatture sono state saldate con un bonifico disposto a favore del conto corrente indicato nelle stesse, riconducibile al codice IBAN segnalato.

Dopo alcuni giorni, a seguito delle rimostranze del titolare della rispettiva ditta, lo stesso amministratore si rendeva conto che il bonifico era stato emesso a favore di un conto corrente differente rispetto a quello intestato alla ditta che aveva eseguito i lavori.

 Nel primo caso il danno è stato di circa 9.000 euro. Soldi che nello stesso giorno di accredito sono stati interamente prelevati dal truffatore.

Nel secondo caso la somma, di circa 18.000 euro è stata tempestivamente bloccata dalla banca operante che è riuscita a stornare per tempo l’intero importo indebitamente accreditato.

Tutti gli elementi che hanno condotto i poliziotti sulle tracce delle due indagate sono emersi a seguito dello studio effettuato sugli estratti conto in causa ed intestati a diversi soggetti di varie nazionalità.

L’esame incrociato delle operazioni bancarie effettuate sugli stessi, con numerosi accrediti e pagamenti anche di pochi euro, ha portato all’individuazione di due giovani donne, una di nazionalità rumena e l’altra di nazionalità moldava residenti in due distinte province venete segnalate all’Autorità Giudiziaria per i reati di accesso abusivo a sistema informatico e frode informatica.

E’ molto probabile che in entrambi i casi le parti offese siano cadute nella trappola del truffa on line, nota come “Truffa del falso codice Iban”.  La tecnica utilizzata dagli esperti di questo crimine informatico è composta da vari passaggi.

Il primo step è finalizzato all’installazione abusiva di un virus sul computer della vittima, di solito attraverso una email cosiddetta “esca”. Ottenuto così il controllo da remoto del computer, i malfattori intercettano una email fra cliente e fornitore, nella quale, quest’ultimo invia in allegato una fattura con i dettagli per il pagamento.

A questo punto interviene il truffatore che modica la predetta fattura sostituendo il codice iban del creditore con quello proprio. La fattura così modificata viene inviata al cliente che procede al bonifico sul codice iban che vede indicato in fattura e che non è quello del creditore. Nello stesso giorno dell’accredito l’intestatario del conto corrente provvede a prelevare l’intera somma.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi