Catania: Sofia chiede un piano di intervento per i senzatetto

Le temperature in picchiata di questi giorni e il freddo gelido rappresentano un pericolo molto grave per i numerosi senzatetto che si trovano a dormire per le strade di Catania. Per loro il consigliere Carmelo Sofia chiede un piano di intervento per i senza tetto.

Le associazioni di volontariato sono già corse ai ripari. La Caritas, in particolare, ha già cominciato la distribuzione di coperte e indumenti pesanti.

Come consigliere comunale Carmelo Sofia chiede al sindao Bianco di “intervenire in modo risoluto e di creare dei punti di ospitalità ampi e smontabili sul modello attivato in passato in corso Sicilia e in piazza Falcone. Molti di loro, oggi, cercano un tetto sopra la testa e calore all’interno degli ospedali, della stazione e dell’aeroporto. La solidarietà e l’aiuto verso il prossimo vanno attivati con una cabina di regia che, accanto a Palazzo degli Elefanti, veda la presenza dei gruppi appartamento, delle parrocchie e dei centri di accoglienza.

Le risorse a disposizione, da parte di Enti e volontari, per quanto encomiabili e rimarchevoli, non possono rispondere ai tanti, tantissimi uomini e donne che cercano un pò di conforto – prosegue Sofia – soprattutto in questo particolare periodo dell’anno.

L’amministrazione,quindi, deve farsi carico di un progetto votato all’aiuto degli ultimi. Un tetto sopra la testa, un letto dove dormire e un pasto caldo fino a quando durerà l’emergenza freddo: questo è il primo passo. Passata l’allerta gelo occorrerà poi attivarsi per aiutare queste persone, attraverso un piano sociale specifico, di potersi reinserire nella società sostenendoli nella ricerca di un impiego e nel trovare un alloggio. La possibilità, quindi, di ricominciare e rifarsi una vita nuova. Un’esistenza che non può essere quella in strada vivendo nell’assoluta incertezza.

Molti hanno storie drammatiche alle spalle e lasciarli soli è l’ultima cosa che questa amministrazione può fare. Ecco perché chiedo che Palazzo degli Elefanti attivi in futuro e in modo duraturo una struttura comunale dismessa o inutilizzata, ma comunque in buone condizioni, per garantire la loro sicurezza e la salvaguardia del loro stato di salute durante l’intero anno”.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi