Ragusa: investe una anziana sulle strisce pedonali e scappa, arrestato

È stato rintracciato dagli agenti della polizia di Stato di Catania il pirata della strada che ha investito una 87enne sulle strisce pedonali ed è scappata.

L’auto, dopo aver investito la donna, si è data alla fuga. In pochi miuti gli agenti della squadra volanti hanno individuato l’auto e incastrato il pirata della strada.

Si tratta di una trentenne ragusana, risultata negativa agli accertamenti dell’alcool test. La donna era alla guida di una utilitaria che presentava regolare copertura assicurativa.

L’anziana è stata immediatamente soccorsa dai poliziotti mentre attraversava la strada utilizzando le apposite strisce pedonali. La donna è stata trasportata immediatamente al pronto soccorso dell’ospedale medico dove è stata sottoposta a tutti gli accertamenti. La prognosi è di 16 giorni.

Sul posto è stato sentito un testimone che ha dato le prime dettagliate descrizioni dell’auto pirata. Dopo l’impatto con l’anziana, la donna non ha prestato l’assistenza del caso dandosi alla fuga in direzione Ragusa Ibla. Grazie alla visione dei filmati delle telecamere di sorveglianza è stata individuata l’auto pirata mentre percorreva corso Italia.

L’intuito degli agenti che hanno individuato un’auto che per modello e colore corrispondeva a quella da ricercare, è stato confermato da un’ammaccatura che la stessa auto presentava all’altezza del paraurti e compatibile con l’impatto con la malcapitata.

L’utilitaria, trovta aperta e senza il conducente, si presentava con il vano motore ancora caldo e con l’autista che aveva evidente fretta di abbandonare l’auto.

La donna, dopo una prima fase di stupore, ha iniziato ad ammettere di essere transitata in quella strada a quell’ora, senza rendersi conto di quanto fosse accaduto all’anziana investita sulle strisce pedonali. La giovane guidatrice, 30 anni, è stata accompagnata negli uffici della questura di Ragusa. Qui è stata denunciata con l’accusa di fuga in caso di incidente con danno alle persone.

 

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi