Palermo: bimbo sbranato da cani randagi riformata la sentenza di primo grado

Il piccolo Giuseppe Brafa, 10 anni, era morto sbranato dai cani randagi a Scicli, nel ragusano, il 13 marzo del 2009. Ora è stata riformata la sentenza di primo grado sulla morte del piccolo Brafa.

La corte d’appello di Catania ha condannato a 5 anni e 1 mese di reclusione i tre veterinari dell’Asp di Ragusa, Antonino Avola, Roberto Turlà e Saverio Agosta. In primo grado erano stati assolti.

Per le loro accuse erano di omissione d’atti d’ufficio e omicidio colposo. I tre avrebbero omesso di segnalare all’asp la presenza di cani aggressivi. Condannati anche a pagare una provvisionale di oltre 700 mila euro alle parti civili e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. La condanna è stata ridotta a 5 anni e 9 mesi per l’ex sindaco di Scicli, Giovanni Venticinque, accusato di omicidio colposo e condanato in primo grado a 6 anni e 2 mesi di reclusione.

Confermata, invece, la sentenza nei confronti dell’anziano proprietario del branco di cani che ha ucciso il piccolo.

Potrebbe interessarti Altri di autore

Commenti

Caricamento...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi